Giovedì, 16 Settembre 2021
Cronaca Lipari / Ginostra

Scempio a Ginostra, area demaniale usata come discarica

Sacchi di immondizia collocati a pochi passi dal mare. Nei guai il titolare dell'azienda che gestisce lo smaltimento dei rifiuti nell'isolotto

Un'area demaniale a pochissimi metri dal mare, utlizzata come discarica. Succede a Ginostra, località che durante l'estate è meta di tantissimi turisti che oltre alla bellezza del paesaggio sono stati costretti ad "ammirare" anche un vero e proprio scempio. Dopo numerosi esposti, i carabinieri del NOE, insieme ai colleghi di Stromboli, sono intervenuti sequestrando l'intera zona e denunciando il rappresentante della società che gestisce lo smaltimento dei rifiuti.

L'azienda aveva occupato abusivamente un’area di circa 80 mq. collocando sulla stessa decine di sacchi di colore nero contenenti i rifiuti solidi urbani raccolti in maniera indifferenziata.
Lo spazio si trova a pochi metri dal mare ed è direttamente adiacente all’unica strada percorribile a piedi che collega il porticciolo al centro abitato. In pratica tutti gli abitanti di Ginostra ed i turisti che
sbarcano sull’Isola erano costretti ad osservare uno scenario costituito da decine di sacchi di spazzatura maleodorante depositata direttamente sulla sabbia, circostanza assolutamente non accettabile per un sito dichiarato Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

La grave situazione di degrado ambientale e le conseguenti problematiche igienico- sanitarie provenienti dal fatto che i rifiuti lasciati sotto il sole cocente emanavano cattivo odore, è stata immediatamente segnalata all’ufficio Ambiente del Comune di Lipari che ha assicurato un loro pronto intervento per la rimozione immediata dei rifiuti e la bonifica della stessa, già nel corso della mattinata odierna.

Tali operazioni sono state compiute sotto la vigilanza dei carabinieri, ripristinando la particolare bellezza dei luoghi. Dell’avvenuto sequestro è stato portato immediatamente a conoscenza il ,agistrato di turno della Procura della Repubblica di Barcellona Pozzo di Gotto, Veronica Detoni, per i provvedimenti di competenza.

Al vaglio della stessa autorità giudiziaria la posizione del titolare della società interessata, deferito per i reati di gestione illecita di rifiuti, occupazione abusiva di beni demaniali,
deturpamento di bellezze paesaggistiche e di condotta comportante emissioni maleodoranti moleste.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scempio a Ginostra, area demaniale usata come discarica

MessinaToday è in caricamento