Area demaniale occupata senza permesso, sequestrata parte di un cantiere navale

Il blitz della guardia costiera di Milazzo. Posti i sigilli ad alcuni locali di circa 190 metri quadri. Provvedimento su richiesta del procuratore di Barcellona Emanuele Crescenti

Blitz della guardia costiera di Milazzo che questa mattina ha sequestrato alcuni locali di un cantiere navale sul litorale di Portorosa.

Posti i sigilli ad un'area demanaiale di circa 190 metri quadri utilizzata senza alcun permesso. Il provvedimento preventivo è stato disposto dal tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto su richiesta del procuratore della Repubblica Emanuele Crescenti.

L’attività di indagine coordinata da Matteo De Micheli, nasce da una verifica effettuata dalla capitaneria di porto di Milazzo, a seguito della quale è stato accertato che la citata struttura continuava ad occupare un’area demaniale marittima mediante il mantenimento di locali, in assenza di idoneo titolo concessorio.

La competente autorità giudiziaria, ravvisando la configurabilità dell’illecito di abusiva occupazione demaniale per il mantenimento delle strutture in parola, ha quindi adottato il decreto di sequestro preventivo dell’area utilizzata ravvisando che la disponibilità delle stesse avrebbe potuto aggravare e protrarre le conseguenze del reato ipotizzato, con ulteriore compromissione
del territorio e dei beni oggetto del sequestro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: tutta la Sicilia sarà "zona rossa", 380 casi a Messina e 3 decessi

  • Messina zona rossa, dietrofront del sindaco: “Revoco l'ordinanza, nessuna collaborazione sui rifiuti speciali”

  • Zona rossa alla De Luca dal 18 al 28 gennaio, la nuova ordinanza: sospeso l'asporto e chiuse le scuole

  • Messina zona rossa, da venerdì ulteriori restrizioni per negozi e servizi

  • "L'ordinanza non sarà modificata", la Musolino risponde anche su barbieri e mercati che rischiano sanzioni

  • Insulti su fb per il cacciatore morto, Rizzo: "Troppa cattiveria, siamo vicini alla famiglia"

Torna su
MessinaToday è in caricamento