Cronaca Santo Stefano di Camastra

Pesca e vendita illegale: sequestrati 425 chili di novellame

Il blitz dei carabinieri a Santo Stefano di Camastra. I prodotti ittici trasportati su un furgone in 85 cassette di polistirolo. Trasgredite le norme a tutela del mare

Maxi sequestro dei carabinieri di Santo Stefano di Camastra. 

Durante un controllo, i militari hanno scoperto all'interno di un furgone 85 cassette di polistirolo contenenti pesci del tipo sarda e cicirello, illegalmente catturati e successivamente immessi nella rete commerciale.

E' scatto dunque il sequestro della merce per 425 chili di prodotti ittici. privi di documentazione che ne attestasse la tracciabilità della filiera.

Nel corso del controllo, i carabinieri hanno rilevato che il novellame, conosciuto con il nome di “neonata”, era stato commercializzato in violazione delle norme a tutela delle risorse ittiche, che non ne consentono la pesca e la vendita. A seguito degli approfondimenti svolti con la collaborazione dell’Uuficio locale marittimo – guardia costiera e del S.I.A.O.A. (Servizio di
Igiene sugli Alimenti di Origine Animale) del distretto sanitario di Mistretta, i militari hanno accertato violazioni amministrative che hanno portato al sequestro dei prodotti
ittici ed alla contestazione di sanzioni amministrative per circa 29.000 euro al trasportatore di Palermo peraltro gravato da precedenti specifici.

I prodotti ittici, a seguito degli accertamenti sanitari sono stati riconosciuti idonei al consumo umano e pertanto sono stati devoluti in favore di Enti di beneficenza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pesca e vendita illegale: sequestrati 425 chili di novellame

MessinaToday è in caricamento