menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cacciatore trovato morto, straziante ritrovamento: il suo cane portato via di peso, lo ha vegliato tutta la notte

I soccorritori hanno ritrovato così il trentunenne caduto in un dirupo a Roccafiorita, il setter inglese non ha abbandonato il ragazzo fino alla fine. Non è stata disposta l'autopsia

Ha vegliato il suo padrone tutta la notte, con i guaiti ha accolto i soccorsi forse sperando ancora in un miracolo. E' straziante il racconto del ritrovamento del corpo senza vita di Roberto Garigale, il 31enne morto dopo un volo in un dirupo nelle campagne di Roccafiorita. 

Ventiquattro ore sono durate le ricerche. Ventiquattro ore in cui il suo cane, amico fedele di tante scampagnate, non lo ha mollato neanche per un istante. Mentre recuperavano il corpo, il setter inglese camminava avanti e indietro, visibilmente traumatizzato e lo hanno dovuto portare via di peso. E' stato proprio il cane il primo ad essere visto dai primi soccorritori che questa mattina hanno ritrovato il giovane ormai cadavere. Garigale, agente finanziario, la famiglia vive a Mongiuffi Melia, usciva sempre con la sua Jenny: un rapporto di amore che non si è spezzato neppure di fronte alla tragedia. Il medico legale non ha disposto l'autopsia per il giovane che secondo le indagini dei carabinieri di Taormina è caduto ieri in un dirupo dove ha trovato la morte tra le colline di Roccafiorita. Le ferite riportate non hanno lasciato scampo. Garigale è scivolato per decine e decine di metri. I vigili del Fuoco sono intervenuti per recuperare la salma. La squadra, intervenuta dal distaccamento di Letojanni, con Autopompa serbatoio e pick-up attrezzato, ha iniziato le operazioni di recupero alle prime ore del mattino, subito dopo aver appreso che con era possibile il recupero con l'elicottero. A essere impegnati nelle operazioni di ricerca e recupero sono intervenuti anche la Protezione civile, i carabinieri e la Polizia Provinciale. Nonostante la zona impervia e le operazioni di recupero molto complicate, i vigili del Fuoco capitanati dal capo reparto Lo Re, sono riusciti a recuperare il corpo dello sfortunato ragazzo consegnandolo ai familiari.

Morto 31enne, caduto in un dirupo a Roccafiorita

Garigale nella battuta di caccia doveva ritrovarsi insieme a una comitiva di amici ma l'incidente di ieri mattina sulla Messina-Catania ha spezzato in due il gruppo con il trentunenne che ha deciso di anticipare i compagni che hanno raggiunto la zona alcune ore dopo ma senza trovare Roberto. Il fuoristrada di Garigale era stato individuato. A tarda sera visto che l'uomo non aveva segnalato la sua presenza l'inizio delle ricerche e questa mattina il ritrovamento. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MessinaToday è in caricamento