rotate-mobile
Cronaca

Settimana della lingua siciliana, al via "Do you speak? Io parlo siciliano": l'evento dedicato alla cultura locale e non solo

Il programma dal 27 novembre al 3 dicembre con 11 appuntamenti in città dalle librerie Feltrinelli Point e Mondadori BookStore ai licei Maurolico e La Farina al Comprensivo Isole Eolie, dalla sede della ARB, Spazio Lilla, alla Fondazione Albatros fino a Villa Cianciafara

Sette giorni in immersione nella lingua siciliana per recuperarne la dignità contro ogni pregiudizio, risalendo alle radici e origini e declinandone bellezza in arte, cultura, letteratura e musica. Sarà questo l'humus e l'obiettivo de La settimana della lingua siciliana. Che, organizzata dall'Associazione culturale ARB, è in programma dal 27 novembre al 3 dicembre con 11 appuntamenti in città dalle librerie Feltrinelli Point e Mondadori BookStore ai licei Maurolico e La Farina al Comprensivo Isole Eolie, dalla sede della ARB, Spazio Lilla, alla Fondazione Albatros fino a Villa Cianciafara. 

"La volontà di accendere i riflettori su questo tema: la necessità di recuperare la dignità della lingua siciliana e far superare i pregiudizi che ne inibiscono l'utilizzo2, così precisa il presidente di ARB, Davide Liotta. Che seguita come l'iniziativa: "nasca dalla tavola rotonda sulla dignità della lingua siciliana del 26 settembre scorso". Dove nella Giornata europea delle lingue ci si è interrogati su alcune questioni: il siciliano è lingua di serie b rispetto all'italiano; o un ricco patrimonio linguistico e culturale di cui andare fieri; quali pregiudizi o autopregiudizi ne indeboliscono l'uso; l'Unesco la riconosce come lingua madre e la pone tra le lingue vulnerabili da tutelare, mentre i siciliani stentano a percepire l'erosione della loro identità storica; la Legge regionale 9 del 2011 ne istituisce l'insegnamento a scuola ma la legge non è stata attuata; iniziative da porre in atto tra istituzioni e cittadini per rispondere a questi interrogativi.

Tra queste La settimana della lingua siciliana. Tutti i dettagli saranno illustrati nel corso di una conferenza stampa a Spazio Lilla il 22 novembre alle ore 10:30 con, oltre al presidente di ARB, Liotta, i rappresentanti di tutte le realtà coinvolte, e in collegamento da remoto l'europarlamentare, on. Ignazio Corrao, il dirigente superiore della Presidenza del Consiglio dei Ministri, dott. Aurelio La Torre, e la dirigente dell'Istituto Comprensivo Isole Eolie, prof.ssa Mirella Fanti . E resi pubblici sul sito dell'associazione organizzatrice a partire dalla conferenza. L'iniziativa in 7 giorni è uno stimolo per nuovi contributi per i passi successivi. "Dopo la tavola rotonda e la settimana il terzo passo sarà il convegno a Bruxelles sulla lingua siciliana il 7 dicembre prossimi", conclude Liotta che chiarisce come gli obiettivi siano "politici ma non partitici". Media Partner dell'evento sarà TODO MODO per video e interviste nelle varie inziative della 7 giorni. In uno o più eventi ci saranno collegamenti da remoto con siciliani all'estero di seconda o terza generazione.rimonio linguistico e culturale di cui andare fieri?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Settimana della lingua siciliana, al via "Do you speak? Io parlo siciliano": l'evento dedicato alla cultura locale e non solo

MessinaToday è in caricamento