Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca

Smaltimento rifiuti infetti, Asp: "Spetta al Comune" e De Luca si infuria nuovamente

La querelle sul ritiro dell'immondizia prodotta dai positivi al Covid. Il sindaco: "Senza il contratto Messina Servizi non può occuparsene, basta depistaggi". Convocato un nuovo tavolo tecnico

Continua a regnare l'incertezza sullo smaltimento dei rifiuti prodotti dai cittadini positivi al Covid. Secondo quanto affermato su Facebook dall'Ufficio straordinario emergenza Covid-19 Messina, in risposta ad un utente, il servizio non è più di competenza dell'Asp, essendo stato trasferito al Comune, massima autorità sanitaria locale.

Ma quanto affermato dall'organo istituito dalla Regione, fa infuriare nuovamente il sindaco Cateno De Luca che invoca l'intervento del commissario Covid Marzia Furnari. "Ancora Messina Servizi non ha preso in carico il sistema di raccolta dei rifiuti degli utenti positivi Covid - spiega il primo cittadino -  perché l’Asp non ha predisposto il relativo contratto per come da noi più volte richiesto. Se non sarà sottoscritto un regolare contratto con l’approvazione degli organi competenti comunali e dell’Asp noi non inizieremo alcun servizio ma denuncerò all’’autorità giudiziaria tutti i soggetti che continueranno a non garantire il servizio per come ormai dai noi riscontrato da quasi due mesi e denunciato per ben due volte all’autorita’ giudiziaria".

Intanto, De Luca ha annunciato, per questo pomeriggio, un nuovo tavolo tecnico con la stessa Asp e il commissario Furnari.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Smaltimento rifiuti infetti, Asp: "Spetta al Comune" e De Luca si infuria nuovamente

MessinaToday è in caricamento