Cronaca

Spiagge, aspettando la bandiera blu arrivano le passerelle per i disabili

Rinviato al 2020 il progetto per Torre Faro e Santa Margherita, l'amministrazione punta ai piccoli ritocchi. De Luca: "Passi verso la civiltà in attesa di raggiungere l'obiettivo". Proseguono i lavori di scerbatura e i controlli sugli scarichi abusivi

Il sindaco De Luca e l'assessore Musolino provano la nuova passerella

A piccoli passi le spiagge messinesi si adeguano agli standard nazionali per l'accessibilità e la pulizia. Quest'anno l'amministrazione comunale aveva puntato forte sul progetto "Aspettando la bandiera blu", salvo poi dover accantonare provvisoriamente l'idea e rinviare tutto all'anno prossimo. Il sindaco De Luca, infatti, punta ad ottenere il prestigioso riconoscimento, già avuto in passato da Santa Teresa di Riva, per Torre Faro e Santa Margherita. Ma non si è arrivati in tempo a completare i lavori e se ne parlerà per l'estate 2020.

Intanto, prosegue l'installazione delle passerelle per i disabili. Sono già una decina, divise tra le spiagge della zona sud e quelle della zona nord. Oggi si sono conclusi i lavori sul litorale di Briga. "Piccole risposte di civiltà - precisa De Luca - in questi giorni stiamo proseguendo con la scerbatura in zone abbandonate da anni. Porteremo avanti il nostro obiettivo, siamo sulla buona strada ma c'è ancora tanto lavoro. Finora è mancata la volontà, mi chiedo perchè in altri posti si può fare e a Messina no?".

Nei giorni scorsi il primo cittadino aveva acceso i riflettori anche sui torrenti cittadini interessati da scarichi abusivi che sfociano in mare. Insieme all'Amam, Palazzo Zanca ha avviato uno screening per individuare le criticità e intervenire. Particolarmente critica si è rivelata la situazione del torrente San Licandro con supera il sottopasso stradale e scorre fino alla spiaggia. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spiagge, aspettando la bandiera blu arrivano le passerelle per i disabili

MessinaToday è in caricamento