Cronaca

Erosione a Contesse, i soldi del progetto ci sono ma non bastano

In prefettura la riunione tra tutti gli enti per trovare soluzioni al dissesto idrogeologico che ha colpito la Stazione ferroviaria del villaggio e l'area ex Samar. Il Comune ha 370mila euro ma sono pochi per una completa messa in sicurezza

La prefettura mette insieme gli enti per risanare dal dissesto idrogeologico l'area della stazione ferroviaria di Contesse danneggiata dall'acqua del mare. Oggi Maria Carmela Librizzi ha riunito allo stesso tavolo il commissario regionale Salvo Puccio con tecnici e responsabili di Comune, Autorità portuale, Protezione civile, Vigili del fuoco, Genio civile e soprattutto Rete Ferroviaria italiana. Il prefetto ha richiesto l'immediata chiusura al pubblico della struttura che è ancora a rischio crollo e della Ex Samar aggredite dalle ultime mareggiate.

La Librizzi ha strappato l'impegno che entro due settimane vengano convocati alla Regione tutti gli enti interessati alla progettazione. Il Comune, era presente l'assessore alla Protezione civile Massimiliano Minutoli, ha dato la disponibilità a spendere 370mila euro per il progetto; opere che non basteranno per una completa messa in sicurezza dell'area ed è per questo che la prefettura ha richiesto al rappresentante regionale l'utilizzo del Contratto di Costa perché a Contesse servono opere durature e generali e non palliativi che in caso di marosi basteranno solo a salvaguardare temporaneamente le strutture. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Erosione a Contesse, i soldi del progetto ci sono ma non bastano

MessinaToday è in caricamento