Cronaca

Sub morti e hashish sulle spiagge, elicottero della guardia costiera alla ricerca della nave naufragata

Il velivolo ha sorvolato un'area di 270 miglia tra le coste di Trapani e Patti. Massima attenzione alla presenza di eventuali relitti. Nei prossimi giorni le ricerche proseguiranno con l'intervento del nucleo Subacquei

Il ritrovamento di tre sub morti sulle spiagge di Castel di Tusa, Termini Imerese e Cefalù resta ancora un mistero. Così come i 38 chili di hashish rinvenuti sul litorale di Capo d'Orlando.

La tesi portata avanti nelle indagini della Procura resta sempre quella del probabile naufragio di un peschereccio che trasportava droga, finito in tragedia con la morte dei tre uomini che presumibilmente si trovavano a bordo. Intanto, la guardia costiera continua a pattugliare una vasta zona, in attesa che il mare fornisca altre risposte a quella che finora resta una vicenda inquietante.

Ieri l'elicottero AW 139 – NEMO 11-07  del 2° Nucleo Aereo Guardia Costiera ha effettuato una ampia ricognizione nella zona tirrenica, al fine di individuare eventuali relitti o altri elementi utili alle attività investigative coordinate dalla stessa Procura. 

Il velivolo, con il coordinamento della centrale operativa del Comando Generale e della Direzione marittima di Catania, con a bordo il sostituto procuratore titolare dell’indagine ed ufficiali della Capitaneria di Porto di Milazzo, ha effettuato una ricognizione del versante tirrenico della costa siciliana, da Patti fino a Trapani, percorrendo complessivamente circa 270 miglia ad una altezza compresa tra i 300 e 500 piedi.

Nei prossimi giorni sempre su richiesta e con la direzione della Procura  di Patti, il 3° Nucleo Subacquei della Guardia Costiera, effettuerà delle ricognizioni subacquee delle aree in cui nel mese di dicembre sono stati effettuati i primi accertamenti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sub morti e hashish sulle spiagge, elicottero della guardia costiera alla ricerca della nave naufragata

MessinaToday è in caricamento