Cronaca Taormina / Via Roma

Taormina sotto choc, morto suicida lo scrittore Sergio Perroni

Traduttore raffinato e autore di “Entro a volte nel tuo sonno”, si è sparato un colpo di pistola in via Roma. Milanese, da quarant'anni nella Perla dello Jonio, era amato da tutti. Un paio di anni fa il matrimonio

Amato da tutti, una moglie che lo adorava e che aveva sposato da appena due anni, alla “veneranda” età di 63. Nessun problema economico, quantomeno apparente, e i suoi libri che riscuotevano sempre più consensi. 

Un choc dunque e una perdita enorme e inaspettata per Taormina, il suicidio dello scrittore milanese Sergio Claudio Perroni, avvenuto questa stamattina intorno alle 11. Perroni aveva scelto la Perla dello Jonio come seconda patria ormai da quarant'anni ed era diventato una sorta di istituzione. Una abitudine e una gioia per gli occhi vederlo gironzolare con la sua vespa ormai trascurata, la giacca di lino, una bellezza maschia. 

Oggi, come quasi tutte le mattine, era andato a mangiare la solita granita. Poi era sceso giù, verso via Roma. Lo hanno trovato ai piedi del San Domenico. Un colpo di pistola alla testa.  Sul posto sono intervenuti gli agenti del Commissariato di Polizia di Taormina diretti dal vice questore Fabio Ettaro.

Non si dà pace chi lo conosce da sempre, da quando aveva cominciato a frequentare la cittadina jonica. Erede della famiglia proprietaria dell'acqua Ciappazzi, parente del poeta di Barcellona Bartolo Cattafi, era una mente lucida, traduttore raffinatissimo di testi soprattutto francesi, una cultura enorme.  Nel corso della sua vita ha tradotto, scritto e curato diversi libri. Ha pubblicato Non muore nessuno (2007), Raccapriccio. Mostri e scelleratezze della stampa italiana (2007), Leonilde. Storia eccezionale di una donna normale (2010), Nel ventre (2013), Renuntio vobis (2015), Il principio della carezza (2016). Avrebbe dovuto partecipare anche al Taobuk in programma a Taormina dal 21 al 25 giugno.

Era un uomo che a tratti poteva apparire sarcastico, persino caustico, ma la sua sensibilità era sconfinata. Così racconta e lo vuole ricordare chi gli ha voluto bene, chi lo ha ascoltato anche nel suo ultimo incontro pubblico, per la presentazione del suo libro “Entro a volte nel tuo sonno”. Sergio Perroni aveva letto dei brani di questa un’antologia di riflessioni sulla vita a tutto tondo tra passato, memoria, piccoli gesti quotidiani, desideri di ieri e di oggi e perfino la voglia di tornare bambini.

Aveva commosso. E anche oggi in tanti si sono commossi e hanno pianto a Taormina. “Perchè la morte di Sergio è una perdita enorme. Per la città, egoisticamente, in quanto la sua presenza riusciva a calamitarne altre importanti, sotto tutti i punti di vista. Ma è soprattutto lui, la perdita, come uomo, come amico. Una perdita che sarà difficile elaborare”.

Anche il sindaco di Taormina Mario Bolognari ha voluto essere presente con un messaggio di cordoglio da parte di tutta la cittadinanza. “Esprimo cordoglio, tristezza e commozione per un inatteso e incomprensibile atto - scrive il sindaco - Se conosco la personalità di Sergio, tuttavia, devo anche affermare che si è certamente trattato di un gesto consapevole e lucido, proprio di un uomo intelligente e critico, sicuro delle sue idee. O almeno, così mi piacere credere”.

Di certo, la notizia del suo suicidio è giunta davvero come un fulmine a ciel sereno. Negli ultimi anni, poi, anche grazie al matrimonio, sembrava un uomo ancora più solare, sorridente. “Dovevi sposarti prima”, scherzava con lui qualche amico e lettore fedele.

Che ora non può fare a meno di pensare che un gesto così estremo sia stato dettato dalla  disperazione di qualcosa di improvviso, di qualcosa che si sa essere ineluttabile e che non si vuole affrontare nei suoi risvolti drammatici. Chissà. Forse ha voluto decidere lui quando era il momento giusto di andare e non farlo decidere a qualche malattia. C'è grande riserbo sulle indagini avviate per ricostruire la dinamica e capire le motivazioni che lo hanno spinto a togliersi la vita. Sembra ci sia un biglietto che spiega forse le ragioni del gesto. E le ultime volontà, compresa quella di essere cremato. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Taormina sotto choc, morto suicida lo scrittore Sergio Perroni

MessinaToday è in caricamento