rotate-mobile
Cronaca Giostra

Lo strano caso dello svincolo di Giostra aperto ad "intermittenza"

La bretella che permette l'uscita dalla tangenziale è tornata fruibile dopo la chiusura della galleria Telegrafo. I dubbi del consigliere Libero Gioveni: "Perché viene aperto solo in caso di necessità?". L'assessore Mondello: "Bisogna concentrarsi sull'intero sistema"

Chiude la galleria Telegrafo, riapre lo svincolo di Giostra. Sembra un rompicapo, ma è quello che è accaduto negli ultimi giorni lungo la tangenziale. Dopo l'interdizione al traffico del tunnel danneggiato da un incendio, la bretella che permette l'accesso alla zona nord della città è stata riaperta così come previsto dal piano straordinario di viabilità che prevede l'uscita obbligatoria proprio tramite la rampa che rimane solitamente inacessibile in attesa che partano gli interventi sull'intero sistema di svincoli, nato già vecchio e inadeguato. 

Un particolare, su cui il consigliere Libero Gioveni manifesta perplessità. “Pur sforzandomi, cercando di capire le valutazioni che i soggetti preposti fanno in certi momenti - ha detto l'esponente di Fratelli d'Italia - non riesco proprio a comprendere come lo svincolo di Giostra si possa riaprire ad intermittenza a seconda delle necessità. Perché? Mi chiedo facendomi portavoce anche di tanti increduli cittadini. Perché non tenerlo aperto sempre, con i dovuti accorgimenti, visto che a quanto sembra i problemi strutturali sono presenti nel viadotto di collegamento Giostra – Annunziata e non certamente nello stesso svincolo? E’ ovvio che se quest’ultimo non fosse stato sicuro, immagino che nemmeno nei periodi di emergenza sarebbe stato riaperto! La cosa che dispiace peraltro – prosegue il consigliere – è che nonostante io abbia inviato delle note alla Prefettura il 6 ottobre 2020, il 19 febbraio 2021, il 3 novembre 2021 e il 21 settembre 2022 proprio per chiedere la riapertura dello svincolo previa valutazione del Comitato Operativo Viabilità, ho ricevuto risposta solo alla prima missiva da parte dell’ex Prefetto Maria Carmela Librizzi, mentre per le altre vi è stato solo silenzio assoluto! Eppure – insiste l’esponente d FdI – la necessità di tenere aperto lo svincolo di Giostra anche in periodi normali c’è eccome, soprattutto per la spola che fanno studenti, lavoratori e universitari del Papardo con tutta la zona nord! Mi auguro quindi – conclude Gioveni – che, oltre all’opportunità di chiarire alla città i motivi di questa apertura ad intermittenza dello svincolo di Giostra, questa ennesima apertura straordinaria possa far valutare concretamente i soggetti del Cov a mantenere sempre aperta quella che indiscutibilmente rappresenta una grande valvola di sfogo per la caotica viabilità cittadina".

Sulla questione ieri, a margine del tavolo tecnico in Prefettura, era intervenuto ai nostri microfoni l'assessore alla Mobilità Salvatore Mondello. "Ho sempre parlato di sistema Giostra, un nodo che è nato con difetti all'origine, esiste un progetto cantierabile per riattivare tutte le rampe. Non bisogna concentrarsi sul singolo problema, ma parlare di viabilità nel suo complesso". E sarebbe proprio la viabilità sul viadotto Ritiro, interessato com'è noto da un importante intervento di ristrutturazione, ad impedire l'apertura dell'uscita Giostra anche in altri periodi, il traffico infatti andrebbe ad aumentare proprio lungo il tratto in cui insiste il cantiere. Da qui la disposizione di deviare sul Boccetta in attesa che si completino i lavori del viadotto Ritiro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo strano caso dello svincolo di Giostra aperto ad "intermittenza"

MessinaToday è in caricamento