Cronaca Litoranea Nord / Ex Gasometro

All'ex Gasometro torna la fila di auto in attesa del tampone, Cucè: "Tre giorni a settimana sono insufficienti"

Già in mattinata tanti i messinesi che hanno aspettato di sottoporsi al test. Obbligo di prenotazione e servizio disponibile solo lunedì, mercoledì e venerdì. Il vice-coordinatore di Forza Italia non ci sta: "Non tutti possono permettersi di andare dai privati"

Come prevedibile sono aumentati i tempi di attesa all'ex Gasometro per sottoporsi al tampone. L'Asp ha ridimensionato il servizio a soli tre giorni a settimana mantentendo l'obbligo di prenotazione. Una scelta dettata dall'ingresso in zona gialla e dai numeri della pandemia in discesa. Ma la necessità di sottoporsi al tampone resta, considerando anche la ripartenza delle manifestazioni sportive e delle cerimonie.

Il vice-coordinatore provinciale di Forza Italia, Lino Cucè, chiede dunque a gran voce di aumentare i giorni in cui sarà possibile sottoporsi al test nell'area accanto gli imbarcaderi privati. "Questa mattina la fila di macchine era incredibile - spiega Cucè - e adesso bisognerà aspettare lunedì per potersi fare il tampone visto che c'è il limite di 300 persone. Nel frattempo chi ha necessità dovrà rivolgersi dai privati a pagamento, cosa che non tutti possono permettersi. Non si possono chiedere ancora sacrificili alle famiglie messinesi, l'Asp non può risparmiare su questo servizio. Chiedo che l'ex Gasometro resti aperto 6 giorni su 7. Messina è la porta della Sicilia non possiamo lasciare così le cose se vogliamo un'isola Covid-free".

Come prenotare il tampone

Il servizio sarà attivo lunedì e venerdì dalle 9 alle13 e mercoledì pomeriggio dalle 15-18 sempre su prenotazione. Per prenotarsi è attivo il numero verde  800954434 risponde ufficio informazioni coordinato da Usca Messina centro potranno essere prenotati massimo 300 persone in ogni sessione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

All'ex Gasometro torna la fila di auto in attesa del tampone, Cucè: "Tre giorni a settimana sono insufficienti"

MessinaToday è in caricamento