rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022

VIDEO | Sotto la pioggia per i vaccini e ore d'attesa per i tamponi, odissea senza fine per i messinesi

Per lo screening al Palarescifina auto in coda già dalla via Consolare Valeria. “I parametri che si riscontrano sono da zona rossa”

Si danno i numeri all'Hub in fiera per le vaccinazioni. Ancora una giornata di passione sotto la pioggia e al freddo per i messinesi che hanno avuto bisogno di vaccini e tamponi. Diverse le testimonianze arrivate in redazione di disagi, soprattutto per i più anziani riparati appena sotto il tendone della protezione civile. Anche più drammatiche le attese per i test anticovid al Palarescifina con sette ore di fila in auto che stamani erano in coda già dalla via Consolare Valeria.

"Una famiglia mi ha scritto che da sette ore è lì e sono finiti anche i tamponi”, ha detto il sindaco di Messina Cateno De Luca che è tornato a parlare dell'emergenza e ha commentato il provvedimento della Regione sulla proroga di altri tre giorni delle festività di Natale per le scuole. 

Covid, arriva una nuova piattaforma di sorveglianza. Firenze: "Traccerà tutti i positivi mettendo fine alle criticità"

“I parametri che si riscontrano sono da zona rossa”, ha ribadito De Luca a proposito dei dati resi noti in prefettura a tavolo tecnico di ieri. “Una emergenza che riguarda anche tanti comuni della provincia”. De Luca parla ora di “confusione sulle scuole” e “follia istituzionale”. “L'ordinanza l'abbiamo preparata, l'abbiamo condivisa col prefetto e abbiamo avuto  anche come previsto la preventiva condivisione dell'Asp. Il resto sono chiacchiere. La nostra ordinanza prevede la non riapertura per le scuole per due settimane”. De Luca ha anche precisato che è "farlocca” le notizia della possibile impugnativa dell'ordinanza. "E' viva e vegeta ed entra in vigore lunedì. Qualcuno vorrà impugnarla. Vedremo. In ogni caso, prima che si impugni e ci sia un tribunale passeranno giorni. Io vi tengo informati...”.

Intanto, c'è la proroga della Regione sull'apertura delle scuole. Tre giorni in più di "festa”, fino a giovedì 13 gennaio, che dovrebbero consentire al Dasoe di valutare le richieste dei sindaci in base anche ai dati forniti dalle Asp.  Una volta riconosciuta la zona arancione valgono le singole ordinanze dei sindaci. A Messina, secondo l'ordinanza di De Luca, si tornerà il 23 gennaio.

File auto Palaresciina tamponi-3

Video popolari

VIDEO | Sotto la pioggia per i vaccini e ore d'attesa per i tamponi, odissea senza fine per i messinesi

MessinaToday è in caricamento