rotate-mobile
Cronaca Taormina

Via l'opera dedicata al G7 di Taormina, l'artista: "Il Comune non mi ha mai pagato, la smonto"

La drastica scelta dello scultore Nino Ucchino che ha voluto evitare di aprire un contenzioso con l'amministrazione comunale

Via l'opera dedicata al G7 che si è tenuto a Taormina nel 2017. Lo ha deciso lo stesso autore, lo scultore Nino Ucchino. Dietro la drastica scelta c'è il mancato pagamento da parte del Comune che gli aveva commissionato la scultura, chiamata "Molior" e installata sei anni fa nei pressi del Capo per farsi ammirare da turisti e residenti. Ma a distanza di anni l'artista non ha ottenuto quanto pattuito.

Oggi la scultura sarà smontata e portata via. Il sindaco Cateno De Luca ha concesso il permesso per le operazioni di rimozione. Rammaricato il noto scultore Ucchino, assistito dall'avvocato Santina Intersimone. "Avrei dovuto ricevere 50mila euro - spiega - ma dopo sei anni non ho avuto nulla e io vivo di questo lavoro. Adesso riporto l'opera a Savoca nel mio atelier, una scelta obbligata anche perchè ho voluto evitare di aprire un contenzioso con il Comune che non si è mai attivato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via l'opera dedicata al G7 di Taormina, l'artista: "Il Comune non mi ha mai pagato, la smonto"

MessinaToday è in caricamento