Tassa rifiuti, bocciato emendamento M5s per contrastare l'evasione

Fusco: "Situazione non più tollerabile non incassati 3 anni di Tari", i consiglieri comunali chiedono un'inversione di rotta dell'Amministrazione comunale

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MessinaToday

"Era intendimento di questo Gruppo Consiliare procedere a migliorare la proposta di regolamento sulla Tassa Rifiuti utilizzando gli strumenti preventivi messi in atto dal legislatore nazionale per sostenere il contrasto all'evasione. Tuttavia, ancora una volta, il Consiglio Comunale non ha voluto affrontare uno dei principali problemi del nostro ente, adeguandosi alla proposta presentata dall’Amministrazione di rinviare l’adozione di misure di contrasto all’evasione". Così, in una nota, i consiglieri comunali del M5s commentano la bocciatura dell'emendamento presentato da Giuseppe Fusco nel corso della seduta in Aula di ieri.

"Al fine di adottare misure preventive al contrasto dell’evasione dei tributi locali - spiega Fusco - il Decreto Crescita ha posto una norma (art. 15 ter) che consente agli Enti Locali di disciplinare tramite apposito regolamento di non rilasciare, rinnovare o addirittura di revocare le licenze, autorizzazioni, concessioni e dei relativi rinnovi concernenti attività commerciali o produttive qualora i soggetti richiedenti non siano in regola con il pagamento dei tributi locali. Il legislatore ha così inteso fornire una base legislativa solida a tutti quegli Enti che volessero adottare misure preventive volte a stimolare il pagamento dei tributi. Si tratta quindi di una previsione regolamentare facoltativa e non necessaria che può essere modellata sulla base delle specifiche politiche, ma che diventa un percorso obbligato per gli enti che come il Comune di Messina si trovano in situazione di pre-dissesto finanziario per il quale è stato presentato apposito piano di riequilibrio".

"L’evasione tributaria nel Comune di Messina - prosegue Fusco - ha raggiunto una situazione non più tollerabile e lo strumento proposto tendeva ad adottare in tempi brevi le misure preventive per sostenere il contrasto all’evasione di tale tributo. Ciò in considerazione della scarsa capacità di riscossione dei tributi comunali da parte dell’Amministrazione targata Cateno De Luca, certificata dal Collegio dei Revisori dei Conti, che quantifica i residui attivi della Tarsu-Tares –Tari pari ad euro 132.495.285, 77. Per dirla con le stesse parole dell’Organo di Revisione, insomma, questo Sindaco non riesce ad incassare 3 anni di Tari e ciò, certamente, non garantisce il rispetto del piano di riequilibrio presentato".

"Auspicando una inversione di rotta nella lotta all’evasione dei tributi comunali - commenta ancora Fusco - ho invitato l’Amministrazione, peraltro assente nel dibattito consiliare, a rendere applicabili, il prima possibile, le misure previste dall'art. 33 del nuovo regolamento Tari (misure preventive per sostenere il contrasto dell'evasione) in considerazione del fatto che senza una concreta lotta all’evasione dei tributi tutte le misure messe in atto per uscire dalla situazione di predissesto sono monche".

"Questa amministrazione - conclude l'esponente pentastellato - ha dimostrato un solo metodo finalizzato all’adozione di misure preventive di contrasto all’evasione: assentandosi e rinviando (per ovvie ragioni di consenso elettorale) l’argomento nel tempo. Tutto ciò grazie alla maggioranza trasversale che supporta acriticamente l’operato di questo Sindaco".
 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento