Polizia municipale, test sierologici ma non per tutti: la denuncia Silpol

Stilato un elenco parziale di 142 addetti da far sottoporre all'indagine. Il Sindacato non ci sta: "Polizia esposta al rischio quasi nella sua totalità per carenza di DPI"

Con l’emergenza Coronavirus la Regione ha stabilito che anche gli agenti della Polizia locale siano sottoposti ai test sierologici. A cominciare con i test  gli operatori delle altre forze di polizia,  la Polizia municipale di Messina invece stila un elenco parziale di 142 addetti da far esaminare nelle ultime sedute previste per fine mese. Qualcosa non quadra per il Silpol, Sindacato italiano lavoratori Polizia locale, che considera inaccettabile la superficialità  con cui vengono trattati molti aspetti organizzativi, funzionali e remunerativi, che riguardano l'attività del Corpo e che diventa ancora più grave quando c’è in gioco la tutela della salute dei lavoratori.

Lo stesso sindacato sottolinea come la Polizia municipale sia stata presente in prima linea durante la l’emergenza sanitaria: “La Polizia municipale di Messina- scrive il sindacato in una nota indirizzata al sindaco  e alla Polizia municipale- durante la fase critica della pandemia, è stata presente nella quasi totalità delle sue articolazioni  con un alto grado di esposizione dettato dalle canoniche carenze di dispositivi di protezione individuale  e dalla partecipazione dei lavoratori ai servizi generali con gli evidenti contatti e scambi tra colleghi ed utenti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Dette osservazioni sono state poste anche nelle ripetute videoconferenze effettuate in fase Covid sulla sicurezza dei lavoratori  nelle quali si era già evidenziato che una misura parziale d'indagine, così come proposta in merito dal dirigente, era da ritenersi impropria ed inadeguata. Riteniamo pertanto necessario provvedere ad una rettifica di quanto stabilito includendo tutti gli addetti perché, ci chiediamo, se fossimo  in fase di somministrazione dell'ipotetico vaccino  quale metodo utilizzeremmo quello dell' l'estrazione a sorte?", conclude il Sindacato.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brigata Aosta nello sconforto per la morte del militare, indagini a tutto campo a Capo d'Orlando

  • Coronavirus, salgono ancora i nuovi casi in Sicilia: otto a Messina

  • Omicidio o suicidio a Capo d'Orlando? Muore 48enne messinese con un coltello in corpo: vana la corsa in ospedale

  • Nuovo ricovero per coronavirus al Policlinico, una cinquantenne in arrivo da Patti: due impiegati in isolamento

  • Roccalumera piange Angelica, sconfitta dal tumore a soli 18 anni

  • Coronavirus, 98 i nuovi positivi in Sicilia (9 a Messina e provincia): a Patti una classe in isolamento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento