Cronaca

Disperso della Guardia Costiera, il testimone che ha allertato i soccorsi: "L'ho visto galleggiare e trascinato a largo"

Gaetano Beninato, dal balcone di casa dello zio a Milazzo, ha assistito già dalle 9,30 a tutte le fasi del salvataggio e della tragedia in mare

I soccorsi a Ponente a uno dei due ragazzi

E' stato testimone dei fatti, è stato lui per primo ad avvertire carabinieri e Guardia costiera. Gaetano Beninato, operatore dei Servizi sociali, era sul balcone di casa dello zio, a Ponente, a bere il caffè quando insieme al parente ha visto quello che stava succedendo in mare. Erano le 9,30 circa. "Con mio zio abbiamo notato i due ragazzi in mare e che non ce la facevano a rientrare - dice Beninato, un passato da calciatore in B nel Messina di Zeman - siamo stati noi per primi ad allertare l'intervento sia dei carabinieri che della Guardia costiera, in spiaggia non c'era nessuno a quell'ora, il mare era in tempesta, uno dei due era più distante in acqua e il mare lo portava verso riva per poi rigettarlo a largo, sono poi arrivati i soccorsi, anche le ambulanze. Il primo ragazzo si è salvato subito - prosegue - i tre uomini della Guardia Costiera hanno indossato il salvagente ma le onde altissime non gli consentivano di gettarsi in mare, poi si sono buttati, uno dei tre, l'attuale disperso, è stato travolto rispetto agli altri due della Guardia Costiera, l'ho visto galleggiare con il mare che lo portava a largo, l'ho intravisto per alcuni minuti con il cannocchiale e poi l'ho perso tra le onde, impossibile intervenire con le motovedette con quella tempesta". 

Milazzo, due ragazzi nel mare in tempesta

Disperso soccorritore della Guardia Costiera

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Disperso della Guardia Costiera, il testimone che ha allertato i soccorsi: "L'ho visto galleggiare e trascinato a largo"

MessinaToday è in caricamento