Sabato, 24 Luglio 2021
Cronaca Centro / Viale Boccetta

Viale Boccetta come un circuito: sorpassi tra tir e limiti di velocità non rispettati

Il bilancio dopo la notte di controlli di vigili urbani e polizia stradale. Ritirate le patenti a due camionisti. Sanzioni anche per guida in stato d'ebbrezza per un totale di 6mila euro. Comune pronto a reintrodurre l'Ecopass

Non solo il transito incontrollato a tutte le ore del giorno e della notte, sul viale Boccetta i tir eseguono anche sorpassi azzardati e spesso non rispettano i limiti di velocità.

E' quanto registrato da vigili urbani e polizia stradale ieri notte, durante i controlli alla viabilità lungo l'importante arteria, tra le più pericolose in città.

In particolare, sono state ritirate le patenti a due camionisti dopo altrettanti sorpassi tra mezzi pesanti, vietati dal codice della strada. La Municipale ha poi multato altri conducenti di tir per superamento dei limiti di velocità rilevati dall'autovelox.

I controlli sono iniziati alle 22 e si sono protratti fino alle 4. Altre due patenti sono state ritirate a due automobilisti per guida in stato d'ebbrezza mentre gli agenti hanno sanzionato anche tre veicoli sprovvisti di revisione.

Alla fine, il bilancio parla di 23 contravvenzioni elevate con decurtazione di 71 punti di patente. Il totale delle sanzioni elevate supera i 6mila euro. 

Palazzo Zanca intanto annuncia la volontà di reintrodurre l'ecopass e stabilendo il divieto di transito dei tir sul Boccetta dalle 22 alle 6.  

Il servizio di questa notte - ha spiegato il sindaco De Luca - si inserisce in una programmazione ordinaria fortemente voluta dall’amministrazione e proseguirà con continuità anche sulle altre arterie interessate dal passaggio dei tir.  Ciò costituisce di certo la migliore dimostrazione del fatto che quando i servizi vengono organizzati, impiegando al meglio l’esperienza e la professionalità degli agenti che vi prendono parte come ha fatto questa notte il commissario La Mazza, si realizzano due importanti obiettivi: la sicurezza della strada mediante la repressione delle condotte illecite e, al contempo, si contribuisce al finanziamento della stessa polizia municipale perché i proventi delle sanzioni elevate vengono devoluti per legge al Comune per destinarli proprio al capitolo di bilancio per i fondi della polizia locale".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Viale Boccetta come un circuito: sorpassi tra tir e limiti di velocità non rispettati

MessinaToday è in caricamento