rotate-mobile
Cronaca

Topi alla scuola Boer Verona Trento, caccia a nuovi locali per liberare gli scantinati

Il dirigente Santi Longo rassicura i genitori che anche oggi non hanno portato i figli a lezione: "Nessun problema nelle aule, tutti gli enti sono stati allertati, compresa l'Asp". Resta da risolvere il nodo archivio del Provveditorato agli studi. La palla passa alla Città metropolitana

Ha aperto le porte della scuola ai genitori preoccupati. Una visita nelle aule e poi la domanda: “Vi sembrano classi dove i bambini non possono fare lezione?”. E’ sereno il dirigente scolastico della Boer Verona Trento Santi Longo dopo l’allarme per la presenza di topi nell’istituto di via Palermo.

Un fatto che il dirigente non smentisce ma circoscrive agli scantinati che ospitano l’archivio del Provveditorato degli studi a cui è stato chiesto di svuotare tutti i locali per procedere ad un intervento radicale.

La notizia dei ratti a scuola è diventata di dominio pubblico il 6 maggio quando il dirigente – come anticipato da MessinaToday - ha deciso di far evacuare l’istituto. In realtà la segnalazione di tracce di escrementi di topi risale a qualche giorno prima tanto che il dirigente ha subito chiesto al Comune l’avvio della derattizzazione messa in atto con la MessinaServizi nel fine settimana. La preoccupazione che le sostanze nocive ingerite dai topi potesse spingerli a cercare altri luoghi rispetto al loro habitat, magari salendo ai piani superiori dell’edificio, ha spinto Santi Longo a fare interrompere le lezioni alle 11.

“Una decisione che dimostra quanto ci sta a cuore la sicurezza di ragazzi e personale e che invece è stata interpretata male – spiega a MessinaToday – Abbiamo fatto e faremo tutto quanto serve per la tranquillità dei nostri studenti e per salvaguardare la loro salute”.

Sulla vicenda anche due interrogazioni dei consiglieri Gioveni e La Fauci che riferiscono di segnalazioni dei genitori sulla presenza di escrementi in alcune aule tanto che pochi hanno mandato i propri figli a scuola e hanno anche raccontato i propri dubbi ai carabinieri desistendo però dall’intenzione di presentare un esposto.

“Noi non stiamo trascurando nulla – è la posizione di Longo – abbiamo presentato noi stessi una denuncia all’Asp, segnalato al Comune e avviato con il Provveditorato agli Studi una interlocuzione finalizzata a liberare gli scantinati. Contestualmente il personale scolastico addetto alle pulizie monitorerà la situazione. Se dovessero esserci tracce della presenza dei topi valuteremo eventuali altre azioni”.

Scatta ora la caccia ai locali che possano ospitare l’archivio del provveditorato attualmente smembrato su tre diverse sedi cittadine. Una è la Boer, struttura precedente al terremoto del 1908, l’altro il Palacultura e l’altra ancora al Majorana.

Tocca alla Città metropolitana trovare ora la soluzione ed avrebbe già dato disponibilità nel cercare una soluzione al Provveditore agli Studi Stello Vadalà, in un momento complicato per l’edilizia scolastica che si trova già a fronteggiare una serie di emergenze per l’avvio dei lavori nei licei cittadini che hanno costretto a ricorrere all’affitto di sedi distaccate.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Topi alla scuola Boer Verona Trento, caccia a nuovi locali per liberare gli scantinati

MessinaToday è in caricamento