menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Torre Faro, l'idea dei 5 Stelle: Ztl, parcheggi e bus navetta per migliorare la viabilità

La proposta dei pentastellati durante i lavori in commissione. Villaggio diviso in tre differenti zone con dei varchi a regolare l'ingresso. Prevista un'area pedonale e nuove aree dedicato all'attività logistica. I dettagli

In attesa che l'amministrazione comunale decida il da farsi, non mancano le proposte per migliorare la viabilità di Torre Faro ed evitare il caos che si ripresenta ogni estate. Nel corso dell'odierna commissione consiliare, in cui si è registrato il no dei commercianti all'isola pedonale, il Movimento 5 Stelle ha messo nero su bianco il progetto che prevede la realizzazione di una Ztl nei mesi di luglio e agosto all'interno del borgo marinaro.

In particolare, sono previste tre aree dalle differenti colorazioni, una zona riservata esclusivamente ai pedoni, estesa per circa 850 metri,  otto punti di carico/scarico per gli esercenti, un’ulteriore area per i parcheggi (oltre alle Torri Morandi) e l’impiego di dodici bus navetta nei fine settimana. Sono alcuni dei punti salienti contenuti nella proposta di viabilità redatta dagli attivisti del meetup “Grilli dello Stretto” per regolamentare il traffico nel borgo di Torre Faro. "In attesa che vengano ultimate tutte le procedure al Pgtu, la soluzione viabilistica sperimentale di breve e medio periodo – si legge nel progetto - intende offrire un quadro generale ed esaustivo propedeutico e funzionale ad un sistema strutturato e definitivo,  in attuazione all’atto di indirizzo votato favorevolmente dal consiglio comunale".

Previsti inoltre il rilascio di due “pass” di accesso per nucleo familiare, destinati a residenti e aventi diritto, e la presenza di due pattuglie della polizia municipale per il controllo delle soste riservate. "Anche il monitoraggio dei varchi – spiegano i consiglieri – sarebbe praticamente a costo zero: l’idea  infatti è quella di usufruire di operatori impegnati in progetti di utilità collettiva, ovvero i beneficiari del Reddito di cittadinanza".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MessinaToday è in caricamento