Rifiuti e materiali nocivi nel torrente San Filippo, Gioveni: "l'Amministrazione intervenga"

La denuncia del consigliere comunale con mini dossier fotografico: "Una bomba ecologica che violenta una vasta zona quasi sempre dimenticata"

Il torrente San Filippo è una discarica a cielo aperto, a denunciare lo stato di abbandono della zona il consigliere Libero Gioveni, con  tanto di mini fotografico dossier fotografico, che chiede un intervento immediato dell'Amministrazione per porre fine a questo scempio ambientale.

"Urge  intervenire nel torrente San Filippo, ma non soltanto con la bonifica dell'alveo -scrive il consigliere in una nota- ma per contrastare e reprimere le azioni dei soliti e inqualificabili deturpatori del territorio!Siamo alle solite. Non è possibile, né in alcun modo tollerabile - prosegue Gioveni-che questi malfattori la facciano franca rispetto a delle quotidiane azioni devastatrici!"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il torrente San Filippo è diventato un'autentica "bomba ecologica" - prosegue preoccupato il consigliere - con qualsiasi tipo di materiale nocivo depositato (amianto, materiale inerte, rifiuti vari, suppellettili, legname, materiale cementizio) che "violenta" una vasta zona quasi sempre dimenticata. Confido pertanto in una serie di interventi di prevenzione e repressione – conclude Gioveni – (controlli e azioni sanzionatorie) unite ad una pronta bonifica ambientale dell’alveo, al fine di garantire sicurezza e decoro in una delle zone certamente più colpite da quelli che ormai non si possono che definire delinquenti dell’ambiente”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo ricovero per coronavirus al Policlinico, una cinquantenne in arrivo da Patti: due impiegati in isolamento

  • Milazzo, secondo giorno di ricerche di Aurelio Visalli: città sotto choc

  • Nonno positivo al Covid, tre alunni della "Catalfamo" in quarantena

  • Si tuffano in mare a Milazzo nonostante la burrasca, ragazzi in balìa delle onde: un disperso tra i soccorritori

  • Disperso della Guardia Costiera, il testimone che ha allertato i soccorsi: "L'ho visto galleggiare e trascinato a largo"

  • Milazzo, il mare restituisce il corpo di Aurelio Visalli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento