rotate-mobile

VIDEO | Il locomotore a batteria per ridurre i tempi di traghettamento, prove in corso alla stazione Marittima

Nei giorni scorsi il test con una motrice E464 modificata in grado di trainare autonomamente il treno dentro la nave. Secondo il ministero a regime si risparmierà fino ad un'ora. Nei prossimi giorni l'entrata in servizio

Sarebbero dovuti entrare in servizio già lo scorso anno i locomotori modificati per ridurre i tempi di traghettamento a Messina e Villa San Giovanni. In attesa di vederli sui binari, ciò potrebbe avvenire già dal prossimo 10 dicembre con il nuovo orario, proseguono i test per verificare che tutta la procedura possa essere replicata senza intoppi. Nei giorni scorsi Ferrovie dello Stato ha condotto importanti prove tecniche nelle due stazioni dello Stretto, un convoglio Intercity è stato trainato fin dentro il traghetto da una motrice E464 dotata di batterie e quindi in grado di compiere in autonomia le manovre di ingresso e di uscita dalla nave.

Nel video, diffuso online dal sottosegretario ai Trasporti Edoardo Rixi, si vedono le operazioni che a breve diventeranno realtà. A regime, i tempi di traghettamento verranno notevolmente ridotti visto che non sarà più necessario l'utilizzo delle macchine di manovra e si potranno quindi bypassare le fasi di aggancio e sgancio. Secondo il progetto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti i tempi saranno ridotti di circa 60 minuti.

Si parla di

Video popolari

MessinaToday è in caricamento