Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca Gazzi / Viale Gazzi

La trasformazione del Policlinico in Irccs, lettera ai ministri Messa e Speranza contro il progetto

La Flc Cgil nazionale a muso duro sui piani di Università e nosocomio si rivolge al governo Draghi, nota di dissenso anche dei segretari provinciali della Camera del Lavoro

Il Policlinico universitario


Finisce al tavolo dei ministri Messa e Speranza il progetto di trasformazione in Irccs del Policlinico. La Flc Cgil nazionale ha scritto ai due esponenti del governo Draghi. “Faremo tutto ciò che è necessario per fermare il progetto di trasformazione del Policlinico in Irccs – dichiara la segretaria nazionale Flc Graziamaria Pistorino – per tutelare i lavoratori e il territorio messinese, difendendo un presidio sanitario, universitario e di ricerca pubblica da interessi che tendono alla privatizzazione di questa importante e storica istituzione della città”. La dichiarazione della dirigente sindacale di origine messinese accompagna la pubblicazione della lettera che la Flc nazionale ha inoltrato il 9 aprile alla Ministra per l’Università e la Ricerca, Maria Cristina Messa e al Ministro della Salute, Roberto Speranza. La lettera, a firma del Segretario generale Flc Cgil, Francesco Sinopoli, chiede ai Ministri di intervenire “affinché venga fatta chiarezza sull’avvio del processo di trasformazione in IRCCS dell’A.O.U. Policlinico “Gaetano Martino” di Messina, un atto che allo stato attuale appare in evidenza come una forzatura giuridica contro l’interesse pubblico”.

Sul caso intervengono anche il segretario della Cgil Messina Giovanni Mastroeni e della Flc Cgil Pietro Patti: "La trasformazione in Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico (IRCCS) della AOU Policlinico “Gaetano Martino” di Messina si configura come un declassamento funzionale e istituzionale del Policlinico universitario che, per propria natura, assolve a funzioni inscindibili e multidisciplinari riguardante la didattica, la ricerca e l’assistenza. Tali prerogative, istituzionalmente di competenza dei policlinici universitari, risultano essere incompatibili con quanto la legge prevede circa la funzione degli I.R.C.C.S, istituti mono disciplinari e privi della funzione della didattica. Questa è la motivazione di fondo che ci rende sempre più convinti della necessità di fermare questo progetto che, se fosse portato a termine, determinerà inevitabilmente per il territorio un depotenziamento dell’offerta di assistenza sanitaria e di formazione nelle discipline in campo medico, con un indebolimento complessivo dell'istituzione universitaria e la messa in discussione dello stato giuridico pubblico dei lavoratori attualmente impiegati nel policlinico universitario. Il Policlinico di Messina rappresenta un presidio sanitario di riferimento non solo a livello provincia e regionale, ma anche extra regionale, in particolare della Calabria. I sindacati evidenziano che il processo di trasformazione sembrerebbe partito da un’istanza congiunta del Policlinico e dell’Università, che ha incontrato il parere favorevole del dimissionario assessore alla sanità e che è mancato il confronto con le parti sociali.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La trasformazione del Policlinico in Irccs, lettera ai ministri Messa e Speranza contro il progetto

MessinaToday è in caricamento