Lunedì, 25 Ottobre 2021
Cronaca

Trasporti, in un anno tagli del 50% ai pullman Messina-Nebrodi

Ridotto il contributo regionale per i collegamenti su gomma tra il capoluogo e i comuni montani. L'allarme del deputato Franco De Domenico: "Conseguenze disastrose per i pendolari, si faccia tavolo tecnico"

Potrebbe diventare ancora più difficile beneficiare di un collegamento efficiente tra Messina e i comuni dei Nebrodi.

La Regione, infatti, avrebbe previsto una riduzione del 22% al trasporto su gomma dal capoluogo ai paesi montani della provincia. Un provvedimento che si aggiunge all'ulteriore taglio del 22% registrato lo scorso anno.

A lanciare l'allarme è il deputato Franco De Domenico che si rivolge direttamente all'assessore ai Trasporti Marco Falcone affinché convochi la deputazione messinese e soprattutto i sindaci dei comuni dei Nebrodi. "Occorre rivedere tali provvedimenti di drastica riduzione dei servizi di collegamento che, viceversa, avrebbero delle conseguenze disastrose per i pendolari che, con frequenza quotidiana, usufruiscono del servizio, nonché un impatto fortemente negativo sull'economia del territorio, sia in ragione delle obbligatorie riduzioni di personale a cui sarebbero obbligati i soggetti concessionari del servizio, che, in termini più generali, a seguito della riduzione del sistema di collegamento dell'area anche in considerazione della vocazione turistica del territorio Nebroideo".

Nel 2018 De Domenico aveva già segnalato i disagi provocati dalla riduzione del numero delle corse del servizio di trasporto pubblico tra il centro di Messina e i comuni della fascia tirrenica fino a Milazzo.

"Le motivazioni della contrazione dei servizi di trasporto pubblico finalizzati a collegare Messina con i centri costieri dei Nebrodi, quali Sant'Agata Militello, Santo Stefano di Camastra, Rocca di Capri Leone, Capo d'Orlando, Brolo e numerosi altri, andrebbero collocate nel quadro di una strategia di asserita razionalizzazione e di non sovrapposizione con i collegamenti ferroviari. Per chi ha la sfortuna di imbattersi nei servizi ferroviari tra Messina e Palermo (la linea ferroviaria con la più alta utenza della Sicilia), tali affermazioni suonano come una beffa. E’ a tutti noto, infatti – continua De Domenico- che i collegamenti ferroviari tra i comuni tirrenici e il capoluogo di provincia, sono condizionati negativamente, oltre che da una offerta di corse inferiore ai bisogni oggettivi del territorio, dall’assenza del doppio binario, fermo da anni a Patti e fino a Cefalù, per una lunghezza di oltre 70 chilometri, che rimarrà tale per ancora tanti anni, in assenza della benché minima progettualità".

L'esponente dell'Ars ha inoltre chiesto un confronto per individuare una strategia complessiva sulla Mobilità finalizzata, nel breve periodo, a garantire un sistema pubblico di collegamento su gomma dimensionato alle esigenze dell'area dei Nebrodi, ma che nel lungo periodo non possa prescindere dal completamento del doppio binario che consenta tempi di percorrenza confrontabili con il resto del Paese .

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trasporti, in un anno tagli del 50% ai pullman Messina-Nebrodi

MessinaToday è in caricamento