Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca

Più navi sullo Stretto e ritorno dei treni notte, Orsa pressa il governo

L'incontro tra il sindacato e il sottosegretario Infrastrutture e Mobilità Giancarlo Cancelleri. Da Roma nuove rassicurazioni sul progetto di rilanciare trasporti ferroviari tra la Sicilia e il resto d'Italia. In ballo i 400 milioni di euro del Pnrr

Mentre il dibattito sul Ponte continua a rubare la scena, il governo sta portando avanti il piano di potenziamento dei trasporti tra la Sicilia e il resto d'Italia. Sul piatto ci sono i circa 400 milioni di euro del Pnrr, un'occasione da non lasciarsi sfuggire. Sui progetti da portare a termine, ieri mattina si è tenuto un tavolo tecnico tra il sottosegretario al ministero Infrastrutture e Mobilità sostenibile Giancarlo Cancelleri e una delegazione nazionale del sindacato Orsa, accompagnati dal deputato 5 Stelle Francesco D'Uva. A rappresentare i lavoratori sono stati il segretario generale Mariano Massaro, il segretario nazionale Trasporti Andrea Pelle, il coordinatore nazionale Macchinisti Uniti Francesco Palazzolo e il segretario regionale trasporti della Sicilia Giuseppe Terranova.

Treni più corti con due motrici: così si potrà ridurre di un'ora il tempo d'imbarco sui traghetti

Più treni e più navi sullo Stretto. Queste le richieste al governo messe nero su bianco dall'Orsa. Tra i primi punti c'è l'aumento dei treni a lunga percorrenza tra la Sicilia e il Nord con il sindacato che spinge per rimettere sui binari i convogli per Torino e Venezia, da aggiungere agli attuali intercity sulla relazione Roma-Milano. Più a breve termine la reintroduzione del treno Agrigento-Roma che andrebbe a collegare con la capitale le città interne della Sicilia così come non accade ormai da anni. 

Ma per aumentare i treni serve migliorare la flotta navale di Rfi. A riguardo, l'Orsa ha ribadito l'esigenza di altri due traghetti a quattro binari in aggiunta alla  "Messina" attualmente in servizio e alla nuova nave Iginia in allestimento ai cantieri Mariotti di Genova che presto solchera' le acque dello Stretto. Per il sindacato servono almeno due navi in linea, una di riserva e una in manutenzione per garantire un adeguato sistema di trasporto sullo Stretto. "Con la nave Logudoro ferma per sequestro e le navi Villa e Scilla con 37 anni d'esercizio alle spalle - spiega Orsa - sono indispensabili quattro traghetti modello Messina, a ponte aperto, che consentono di traghettare i treni senza far scendere i passeggeri dalle vetture".

Capitolo a parte quello del traghettamento veloce per cui è prevista la costruzione di tre mezzi veloci per la tratta Messina-Villa San Giovanni. Resta invece da superare il problema della tratta Messina-Reggio Calabria che doveva andare in concessione a Rfi ma l'iter è fermo dal 2018 per un ricorso della Liberty-Lines al Consiglio di Stato. 

"A fine incontro - concludono i sindacalisti - la sensazione è che sta prendendo forma la proposta di rilancio dell'area dello Stretto e del diritto alla mobilità che i siciliani rivendicarono in piazza nel 2015 con la grande manifestazione 'il ferribotte non si tocca'. La strada è ancora lunga ma i presupposti ci sono tutti anche perché il tavolo istituzionale odierno era composto, quasi per intero, da siciliani".

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Più navi sullo Stretto e ritorno dei treni notte, Orsa pressa il governo

MessinaToday è in caricamento