“Pazienti ma non troppo”, il tribunale del malato scrive al prefetto: attese in strada all'ex ospedale Margherita

La normativa antiCovid non consente di utilizzare la sala d'attesa. “Nessuna copertura idonea a riparare la gente dalle intemperie, né sedili per permettere agli anziani e deboli di non stare in piedi”

Interviene anche il Tribunale dei diritti del malato per segnalare le difficoltà dei pazienti che si recano tutti i giorni all'ex ospedale Margherita per accertamenti, consulenze e analisi. Dopo la nota del presidente del Comitato Consultivo Aziendale dell’Asp di Messina, Antonio Giardina, che ha chiesto l'ntervento anche del sindaco oltre che dell'Asp, è il Tdm a chiedere un intervento immediato anche del prefetto per motivi di sicurezza e salute pubblica.

“Le persone sono costrette ad aspettare fuori, all’aperto, in via Diciannovesimo Fanteria, l’apertura delle porte dello stabile, per attendere il turno, e per essere sottoposti a misurazione della temperatura - si legge nella nota di Cittadinanzattiva - L’area di attesa, sulla strada, non è dotata di copertura idonea a riparare la gente dalle intemperie, né di sedili per permettere agli anziani e deboli di non stare in piedi. Sarebbe razionale fare accedere il personale non, come in atto, dalla via XIX Fanteria, assieme al pubblico ammassato, bensì dalla strada adiacente Via Principessa Maria, ove già esiste un accesso chiuso all’edificio sanitario (cancello), spostandovi in corrispondenza l’apparecchiatura per la rilevazione della presenza dei dipendenti con badge. Per iniziativa personale dei dipendenti sono stati realizzati la segnaletica di sosta riservata per disabili e una passerella di sicurezza con corrimano per permettere ai soggetti invalidi di raggiungere l’accesso dall’area di parcheggio esterno. Si ritiene che, anche se un detto latino recita “de minimis non curat praetor”, un problema, apparentemente di scarsa rilevanza, ma che riguarda la quotidianità di centinaia di cittadini messinesi e che è intrinsecamente collegato con gli sviluppi della pandemia in citta - conclude l'associazione - debba necessariamente destare la Vs. attenzione, restiamo pertanto fiduciosi di positivi e urgenti interventi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I Pooh e il concerto non previsto in cartellone, Torre Faro "svegliata" a notte fonda per l'evento musicale dell'anno

  • Dall'aggressione fisica all'auto bruciata: la storia di Alessandro Gonciaruk, vittima di intimidazione a Zafferia

  • L'indagine sulla Banca di Credito Peloritana, raffica di perquisizioni nelle aziende

  • "Scambio" di morti in obitorio, famiglia seppellisce la salma sbagliata

  • Non ci sono bombole, malata di Covid rischia la vita: il medico del 118 denuncia tutto ai carabinieri

  • Scuole e coronavirus, Comune attacca ancora l'Asp: proroga della chiusura non improbabile

Torna su
MessinaToday è in caricamento