rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Cronaca

Si fanno dare tremila euro da un ottantenne con la truffa della falsa donazione ai medici, due arresti

Il raggiro di due messinesi ad un anziano avvenuto il 17 marzo ad Acquaviva delle Fonti, a Bari. Con la scusa di dover effettuare un atto notarile urgente si sono fatti consegnare la somma da un bancomat per poi dileguarsi

Avrebbero avvicinato un anziano per strada e fingendo di dover effettuare una donazione si sarebbero fatti dre tremilaeuro in contanti per poi dileguarsi.

Con questa accusano sono finiti ai domiciliuari due messinesi in trasferta a Bari.

I carabinieri delle Stazione di Acquaviva delle Fonti, di Bari, con il supporto dei colleghi di Messina Centro hanno eseguito la misura cautelare personale emessa dal GIP del Tribunale di Bari, Angelo Salerno, che ha accolto parzialmente la richiesta avanzata dal magistrato inquirente, Lanfranco Marazia, disponendo nei confronti di due soggetti originari e residenti a Messina, L.D.S., 57enne e P.A.70enne, la misura degli arresti domiciliari. Secondo l’impostazione accusatoria accolta dal GIP, i due sono ritenuti responsabili di aver compiuto in concorso tra loro, in Acquaviva delle Fonti, la mattina del 17 marzo 2022, una truffa con sostituzione di persona ai danni di un’anziana vittima del posto.

Singolare è stata la tecnica usata dai malfattori, che una volta avvicinato l’anziano, lo hanno raggirato e si sono fatti consegnare la somma di euro 3000,00 per le spese di un atto notarile connesso ad una donazione consistente a suo favore, dimostrando una non comune esperienza nella ideazione e commissione di questa tipologia di reati e facendo denotare un collaudato modus operandi.

Nello specifico, l’anziano, è stato avvicinato per strada dal primo malfattore che gli chiedeva notizie su uno studio medico e, poco dopo, dal complice che spacciandosi un medico gli confidava di dover effettuare una donazione per beneficienza del valore di 100 mila euro complessivi a favore di due medici. Successivamente, facendogli credere che il medico a cui era destinata metà della donazione fosse defunto, la somma di denaro veniva promessa alla ignara vittima. A tal punto, con la scusa di dover effettuare un atto notarile urgente, inducevano l’anziano a prelevare la somma di euro 3000,00 da un bancomat ubicato nelle vicinanze e a farsela consegnare, dileguandosi.

Ricevuta la denuncia dell’anziano, i carabinieri del posto hanno immediatamente attivato una efficace attività investigativa, acquisendo importanti immagini da alcuni impianti di videosorveglianza presenti in zona, dalle quali sono riusciti ad individuare le fattezze dei truffatori e il veicolo in loro uso, risultata di proprietà di una società di noleggio, riuscendo in breve tempo a ricostruire tutti i movimenti effettuati dal veicolo la mattina del fatto reato e di tracciare tutti gli spostamenti dalla Sicilia fino in Puglia nonché di individuare l’autista.

L’attività investigativa, è stata completata nella zona di provenienza dei due truffatori, con il riconoscimento degli stessi da parte dei colleghi di Messina.     

Alla luce di quanto sopra, i due uomini sono stati tratti in arresto e sottoposti agli arresti domiciliari per l’ipotesi del reato di truffa e sostituzione di persona, con l’aggravante dal fatto commesso approfittando di circostanza personali tali da ostacolare la privata difesa, con riferimento all’età della persona offesa ultraottantenne.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si fanno dare tremila euro da un ottantenne con la truffa della falsa donazione ai medici, due arresti

MessinaToday è in caricamento