rotate-mobile
Mercoledì, 6 Luglio 2022
Cronaca

Crociere a Messina risorsa da non sprecare, la denuncia di un operatore: "Turisti sbarcano disorientati e l'info-point chiude nel week-end"

L'analisi di Sergio Lo Piano sulle criticità che al momento riguardano l'accoglienza ai crocieristi. Dalla scarsa attenzione ai problemi di viabilità: "Tolta la tappa di Cristo Re perché si blocca il traffico, serve cambiare mentalità"

"Messina? Non è una città turistica, al massimo si può definire crocieristica". Per l'operatore di Trumpitours, Sergio Lo Piano, la presenza ogni settimana di migliaia di turisti è al momento più un'occasione persa che una risorsa. E per questo rinnova l'appello a migliorare l'accoglienza verso chi scende dalle sempre più lussuose navi che attraccano al porto e decide di trascorrere qualche ora nel centro storico, preferendo la città alle più blasonate Taormina ed Etna. Lo Piano si rivolge all'assessore Vincenzo Caruso che a breve tornerà ad occuparsi di turismo e cultura dopo la vittoria di Federico Basile che ha confermato in toto la squadra già al fianco di Cateno De Luca negli ultimi quattro anni.

VIDEO | Dalla nave al Duomo, il percorso dei turisti appena sbarcati in città

"Le criticità sono diverse - spiega Lo Piano - e prima di tutto occorre un cambio di mentalità. Al momento Messina sembra abulica, non interessata alle opportunità che arrivano dal crocierismo. Eppure il nostro porto è sicuramente il più importante in Sicilia per questo tipo di turismo. Preferiamo aspettare invece di proporre e così si perdono tante possibilità". Lo Piano parte dalle cose più semplici. "E' inammissibile che l'info point comunale rimanga chiuso nei week-end così come il Duomo dovrebbe restare a disposizione secondo orari compatibili con lo sbarco delle navi. Al momento l'accoglienza ai turisti è confusionaria, attendiamo che il Comune predisponga il nuovo accesso in Largo Minutoli perchè finora i crocieristi sono spesso in balìa di tassisti che propongono i loro prezzi o dei proprietari di carrozze con cavalli. C'è poca disciplina".

Un punto importante è anche quello legato alla viabilità. "Riusciamo anche a riempire quattordici pullman - continua Lo Piano - e far fare ai turisti un tour di qualche ora lungo le zone più attrattive della città. Ma c'è il problema della sosta, l'area di parcheggio del Duomo va riorganizzata mentre continuamo a non considerare opportuno spostare tutto al Cavalcavia. Siamo stati costretti ad eliminare la visita a Cristo Re perchè la strada è troppo stretta e quando ci sono più di due pullman il traffico si blocca. Ho fatto presente il problema alla polizia municipale, ma mi è stato detto che non c'è personale a sufficienza".

Da qui il nuovo appello all'amministrazione comunale. "Ascoltate anche noi operatori, possiamo trovare soluzioni insieme invece di subire scelte dall'alto. Abbiamo a disposizione una lavagna bianca su cui scrivere, iniziamo a dare la svolta".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crociere a Messina risorsa da non sprecare, la denuncia di un operatore: "Turisti sbarcano disorientati e l'info-point chiude nel week-end"

MessinaToday è in caricamento