Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Pirateria Tv, l'operazione Black out: 45 indagati e le perquisizioni a Messina

L'inchiesta si è sviluppata sul territorio di 18 province, smantellando "la complessa infrastruttura criminale sia sotto il profilo organizzativo che tecnologico". Tra le aziende danneggiate da questo sistema spuntano Sky, DAZN, Mediaset e Netflix

Maxi operazione della Polizia postale, coordinata dalla procura di Catania, contro la pirateria audiovisiva e il fenomeno delle IP TV illegali. Gli indagati dell'operazione denominata Black out sono 45 in tutta Italia: devono rispondere di associazione per delinquere finalizzata all'accesso abusivo a sistema informatico, frode informatica e riproduzione e diffusione a mezzo internet di opere dell'ingegno. Scoperta una "complessa infrastruttura tecnologica che operava a livello nazionale - spiegano gli investigatori -, responsabile della diffusione via Internet, attraverso numerosi siti, del segnale di numerose piattaforme tv con contenuti a pagamento captato illegalmente". Oscurati 1.500.000 di utenti con abbonamenti illegali, azzerato l'80% del flusso illegale delle IP TV in Italia. Tra le aziende danneggiate da questo sistema spuntano Sky, DAZN, Mediaset e Netflix.

A Messina una centrale che gestiva gestiva circa l'80% del flusso illegale Ip Tv in Italia. I provvedimenti sono stati eseguiti in diverse città italiane e sono stati impiegati nell'operazione piu' di 200 specialisti provenienti da 11 Compartimenti regionali della Polizia Postale: Catania, Palermo, Reggio Calabria, Bari, Napoli, Ancona, Roma, Cagliari, Milano, Firenze e Venezia. L'operazione si è sviluppata sul territorio di 18 province, smantellando "la complessa infrastruttura criminale sia sotto il profilo organizzativo che tecnologico".

Serie tv e partite in streaming gratis: stop a un milione e mezzo di abbonamenti illegali: a Messina la “centrale” operativa

Lo studio tecnico-informatico della diffusione dei segnali in streaming effettuato dalla Polizia postale e delle comunicazioni di Catania, con il coordinamento del Servizio polizia postale e delle comunicazioni di Roma, ha consentito di individuare le sorgenti dalle quali veniva distribuito il segnale piratato. Queste le città interessate dalle perquisizioni: Roma (15), Catania (6), Messina (5), Siracusa (1), Bari (1), Taranto (2), Fermo (1), Verona (1), Palermo (1), Agrigento (1), Napoli (2), Caserta (3), Salerno (1), Pisa (1), Pistoia (1), Milano (1), Potenza (1), Cagliari (1).

Tv inchiesta-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

VIDEO | Pirateria Tv, l'operazione Black out: 45 indagati e le perquisizioni a Messina

MessinaToday è in caricamento