Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca Ucria

Ucria, il vescovo di Patti: "Vicini alle famiglie e alla comunità sconvolta"

Monsignor Guglielmo Giombanco ha trasmesso un messaggio ai parenti delle vittime, il comune dei Nebrodi è sotto choc per il duplice omicidio

Ucria sconvolta dal duplice omicidio di Antonino e Fabrizio Contiguglia. A dirlo monsignor Guglielmo Giombanco a capo della Diocesi di Patti da due anni. La Chiesa è vicina e solidale con le famiglie delle vittime "alle quali esprime il proprio cordoglio e assicura preghiera" - afferma il vescovo di Patti.

Ucria, la sera del 15 agosto, è stata colpita dal doppio omicidio avvenuto per la contesa di un parcheggio. Ieri mattina il vescovo aveva telefonato al parroco di Ucria, Don Carmelo Catalano, per informarsi della vicenda e incaricarlo di portare “solidale vicinanza e il conforto della fede e della preghiera a quanti sono coinvolti nei tragici eventi”. A perdere la vita Antonino Contiguglia, 60 anni, e Fabrizio Contiguglia, 30 anni, rispettivamente zio e nipote. Gravemente ferito Salvatore Contiguglia, l'altro nipote di Antonino.

A sparare alcuni colpi d’arma da fuoco Salvatore Russo. “Anche per lui, che pare fosse lì in vacanza, la comunità ecclesiale di Ucria prega. Una comunità – spiega don Enzo Smriglio, direttore dell’Ufficio diocesano per le comunicazioni sociali – che è scossa dagli eventi, che sta gestendo anche una notorietà mediatica assolutamente nuova e complessa, che sta affrontando quanto accaduto con la giusta fame di verità e di giustizia, ma anche con uno spirito di fraternità illuminato dalla Parola del Signore”.

Il duplice omicidio di Ucria, gli ultimi sviluppi dell'inchiesta 

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ucria, il vescovo di Patti: "Vicini alle famiglie e alla comunità sconvolta"

MessinaToday è in caricamento