rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Cronaca

Il processo all'untore messinese, il Pm Conte chiede 25 anni di carcere

Il 57enne imputato, affetto da Hiv, deve rispondere di omicidio aggravato e lesioni gravissime, prossima udienza il 4 gennaio 2022

Venticinque anni: è la richiesta del pubblico ministero Roberto Conte ai giudici della Corte d'assise a carico del 57enne imputato di omicidio aggravato e lesioni gravissime, affetto da Hiv, che secondo l'accusa ha contagiato alcune sue compagne e ucciso un’avvocatessa deceduta a soli 45 anni, tra atroci sofferenze, nel luglio del 2017. Prossima udienza il 4 gennaio 2022. Conte ha anche consegnato alla Corte una nota sulla vicenda. I venticinque anni richiesti per l'imputato assistito dall'avvocato Carlo Autru Ryolo riguardano in totale entrambi i capi d'imputazione. 

A processo l'untore messinese

La donna non fu curata per l’Aids, contratta dal convivente, perché la patologia non fu mai diagnosticata dai medici. Un fatto che ha dato il via a una seconda inchiesta a carico di alcuni camici bianchi che la seguirono durante la malattia. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il processo all'untore messinese, il Pm Conte chiede 25 anni di carcere

MessinaToday è in caricamento