menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Utilizzo veicoli Amam, l'ex presidente Termini difende i dipendenti dopo le accuse di Interdonato

La replica dell'ex numero uno della Partecipata dopo la richiesta di accesso agli atti formulata dal consigliere comunale in quota Sicilia Futura. Alla base il presunto uso anomalo dei mezzi aziendali "in giro per la città a tutte le ore"

"Badi alla trave e non alla pagliuzza". Così l'ex presidente di Amam, Leonardo Termini, replica al consigliere Antonino Interdonato che nei scorsi giorni ha richiesto l'accesso agli atti per verificare le ore di utilizzo dei veicoli aziendali in dotazione alla società partecipata. Il vice presidente del consiglio comunale ha infatti sottolineato il rischio di un impiego distorto dei mezzi, la cui presenza per le strade cittadine sarebbe notevolmente aumentata. 

Ma la risposta di Termini, in carica all'Amam fino al 2018, non si è fatta attendere. L'ex numero uno della società di viale Giostra difende i suoi dipendenti invitando Interdonato ad occuparsi di cose più importanti.

“I circa dieci mezzi aziendali - scrive su Facebook Termini - vengono utilizzati in tutto il territorio comunale da quei uomini che, giorno e notte, h24, con particolare spirito di servizio e professionalità, permettono il funzionamento del Servizio Idrico Integrato in tutta la città di Messina. Uomini che, oltre alle elevate conoscenze tecniche e del territorio, svolgono la propria attività con senso di appartenenza all’Azienda e qualità morali e personali uniche”.

Le dichiarazioni dell’ex presidente Termini - si legge le comunicato inviatoci via mail -  fanno eco e mettono in luce il silenzio dell’attuale
Dirigenza sulla iniziativa di Interdonato permettendo, altresì, una riflessione sulla opportunità di rilevare i veri problemi del Comune di Messina e delle Partecipate che, spesso, niente hanno a che vedere con l’onestà e la professionalità dei dipendenti.

Termini conclude invitando Interdonato a "badare alla 'trave' e non alla 'pagliuzza' che alberga nella realtà del Comune di Messina e delle sue Partecipate.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Parità di genere, musica e confronto in diretta streaming

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MessinaToday è in caricamento