Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca Centro / Via Santa Marta, 165

Tornano a sfregiare la sede di Rifondazione comunista, i segretari: "Fascisti come ladri nella notte"

A marzo il primo atto vandalico, nuovamente colpita la saracinesca d'ingresso dei locali di via Santa Marta. Dura presa di posizione dei coordinatori

I vandali tornano a colpire la sede del circolo Peppino Impastato di Rifondazione comunista in via Santa Marta 165. Ignoti hanno sfregiato nella notte con un simbolo fallico e una scritta la saracinesca della sede come già avvenuto nel marzo scorso.

Nicolò Martinelli, responsabile nazionale antifascismo Giovani Comunisti/e, Giada Galletta, del coordinamento nazionale Giovani Comunisti/e e Antonio Currò, segretario del circolo Prc "Peppino Impastato" dicono: "Come ladri nella notte i fascisti prendono ancora di mira uno dei nostri spazi, dove, oltre alle attività politiche del Prc e dei Giovani Comunisti/e, si svolgono pratiche di mutualismo e cultura, quali lo sportello di Unione Inquilini, il circolo di scacchi e la biblioteca di cultura russa, cercando di mettere insieme, socialità, cultura, sport e attività politica. L'atto infame è con ogni evidenza portato a termine da balordi che col territorio hanno poco o nulla a che fare ed a cui evidentemente dà noia un presidio di tenuta democratica in città. Se qualcuno pensa di fermarci o intimidirci, ha sbagliato i suoi calcoli. Andremo avanti ancora con maggiore forza e convinzione per costruire a Messina e in tutto il Paese l'alternativa di cui oggi c'è bisogno".

Il movimento Cambiamo Messina dal Basso ha solidarizzato con gli esponenti del circolo Peppino Impastato. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tornano a sfregiare la sede di Rifondazione comunista, i segretari: "Fascisti come ladri nella notte"

MessinaToday è in caricamento