Cronaca

“Vara e Giganti”, le precisazioni degli assessori: “Deve passare tutto dall’Amministrazione comunale”

Enzo Caruso, Massimiliano Minutoli, Giuseppe Scattareggia e Dafne Musolino in una nota evidenziano come l'unico organizzatore della manifestazione sia il Comune che stabilisce tempi e modalità

Dopo le notizie apparse di recente sulla stampa riguardanti l’organizzazione della Vara e dei Giganti arrivano le precisazioni degli assessori  Enzo Caruso, Massimiliano Minutoli, Giuseppe Scattareggia e Dafne Musolino: “Unico organizzatore della processione della Vara, della passeggiata dei Giganti e del Cartellone degli eventi legati al Ferragosto Messinese- scrivono in una nota-  è il Comune di Messina, che ne determina i tempi, le modalità e il coordinamento tra i soggetti convocati al tavolo in rappresentanza dell’Amministrazione, della Curia, dei coordinatori della Manovra della “Machina festiva” (oggi costituitisi giuridicamente in Associazione) e di eventuali consulenti scientifici che possano supportare gli aspetti culturali legati alla storica manifestazione “Vara e Giganti”. Questa Amministrazione non ha inteso rinnovare alcun atto di consulenza con soggetti privati e/o Comitati e Associazioni per la Vara, ritenendo che la stessa appartenga al patrimonio culturale e religioso della città di Messina e di tutti i devoti alla Madonna”.

Gli stessi sottolineano inoltre come  “il Comitato Vara, i cui comunicati sono stati riportati in questi giorni dalla stampa, è un comitato spontaneo costituito da soggetti che nel tempo si sono avvicendati per fornire un supporto di consulenza alle varie Amministrazioni Comunali che, con propria determina, hanno rinnovato tale rapporto”.

Gli assessori fanno poi riferimento alla scelta di consulenti scientifici della manifestazione e delle sue tradizioni l’architetto Nino Principato e il dottor Franz Riccobono, quali massimi esperti di Storia Patria legata alla secolare processione della Vara e della Passeggiata dei Giganti: “ a loro chiediamo come studiosi, cultori e cittadini messinesi, di raccogliere le istanze, i suggerimenti e le proposte da portare al tavolo dell’organizzazione comunale per perpetrare e rinforzare il legame che da sempre salda l’atto di affidamento della città di Messina alla SS. Maria Vergine”.

“Ribadiamo fermamente che la Vara appartiene alla Città di Messina e al cuore di ogni cittadino messinese; per tale ragione, nell’accogliere ogni proposta che provenga da soggetti privati in favore della collettività, rammentiamo che qualunque contributo da inserire nel programma ufficiale della Manifestazione, finalizzato al miglioramento della Festa, dovrà necessariamente essere condiviso con l’Amministrazione Comunale che rappresenta l’Ente responsabile ed organizzatore dell’evento. Si anticipa sin da ora – concludono gli assessori – che nei prossimi giorni l’Amministrazione Comunale illustrerà in conferenza stampa l’evento “Vara e Giganti 2020” per la cui organizzazione si dovrà tenere conto delle disposizioni governative anti Covid-19 che verranno votate alla Camera dei Deputati la prossima settimana, presentando l’evento e tutte le misure sanitarie che verranno adottate per il contenimento del rischio di contagio, senza trascurare di celebrare il sentimento religioso che da sempre contraddistingue la processione della Vara”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Vara e Giganti”, le precisazioni degli assessori: “Deve passare tutto dall’Amministrazione comunale”

MessinaToday è in caricamento