Consolare Pompea, la mancata messa in sicurezza? “Colpa” dei Dipartimenti comunali

L'arteria è stato teatro di quattro incidenti mortali nell'ultimo anno. Ritardi di Palazzo Zanca dopo il diktat del Prefetto per l'installazione di cordoli, segnaletica e stop ai mezzi pesanti. Il pressing della Commissione Viabilità. Ma già a metà giugno l'assessore Mondello...

Nonostante i quattro incidenti mortali in meno di un anno, l'ultimo appena dieci giorni fa, e i ripetuti diktat della Prefettura, i lavori di messa in sicurezza della via Consolare Pompea non sono ancora iniziati. Anche se la lunga attesa starebbe ormai per scadere, considerando le ultime indiscrezioni. L'arteria è nota alla cronaca per la sua pericolosità che aumenta esponenzialmente durante la stagione estiva, ma finora gli interventi previsti e già finanziati non sono stati eseguiti. Lo scorso settembre il prefetto Maria Carmela Librizzi aveva espressamente richiesto la realizzazione di uno spartitraffico per separare le due corsie ed evitare manovre azzardate, il rifacimento della segnaletica orizzontale e verticale e il divieto di circolazione dei mezzi pesanti.

Zafferia piange Milena, l'ennesima vittima di una strada maledetta

Palazzo Zanca aveva anche trovato i fondi, ma nei mesi successivi si è assistiti solo a diverse riunioni e tavoli tecnici senza passare mai dalle parole ai fatti. 

Alla base ci sarebbero i soliti intoppi burocratici e la cronica lentezza di alcuni uffici comunali. Lo scorso 15 giugno, infatti, l'assessore alla Mobilità Salvatore Mondello, durante i lavori in Commissione, aveva ammesso di aver sollecitato più volte, anche per iscritto, dirigenti e funzionari dei Dipartimenti preposti a dare seguito agli interventi sulla Consolare Pompea. 

Ma finora nulla si è mosso e l'ennesimo incidente mortale ha riacceso i riflettori sulla pericolosità dell'arteria. Questa mattina l'argomento è stato trattato nuovamente in commissione Lavori Pubblici e Viabilità. L'organo presieduto dal consigliere Libero Gioveni ha chiesto conto con un'interrogazione urgente, del mancato avvio dei lavori di cui sono responsabili il Dipartimento Servizi Territoriali e Urbanistici e il dirigente Servizi Tecnici. I consiglieri hanno poi elaborato un nuovo atto di indirizzo con cui si chiede all'amministrazione comunale di realizzare gli interventi già stabiliti, impegnandosi anche a mettere in sicurezza la pista ciclabile che affianca l'arteria, realizzare attraversamenti pedonali rialzati, accelerare le procedure di assunzione dei 46 vigili urbani vincitori di concorso, introdurre dei bus navetta durante la stagione estiva e prevedere una campagna di sensibilizzazione nelle scuole per la sicurezza stradale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brigata Aosta nello sconforto per la morte del militare, indagini a tutto campo a Capo d'Orlando

  • Cade da cavallo e sbatte la testa, 18enne in gravissime condizioni

  • Rissa tra ragazzine a Villa Dante, due ferite: quattro pattuglie dei vigili per calmare gli animi

  • La nuova Maserati Corse parla messinese, nel team di progettazione due ex studenti UniMe

  • Ucciso a Los Angeles il regista Serraino, “Un amore spropositato per Messina che non gli ha mai tributato nulla”

  • Tragedia sfiorata in via Jaci, soccorso un uomo che ha tentato il suicidio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento