Cronaca Centro / Viale Europa

Nuova don Blasco, si procede con la copertura del torrente Zaera

Il sopralluogo dell'amministrazione comunale nel cantiere del viale Europa. Posate le travi in cemento armato. La soddisfazione dell'assessore Salvatore Mondello

Proseguono a buon ritmo i lavori per la realizzazione della nuova via Don Blasco, un'opera attesa da decenni in città. 

Oggi sono state varate le ultime due travi in cemento armato precompresso del ponte Zaera, necessarie a completare la parte strutturale della copertura dell’omonimo torrente. A vigiliare sullo stato dei lavori, l'assessore alle Infrastrutture Salvatore Mondello, insieme al dirigente  Antonio Rizzo,  all'architetto Giovanni Rizzo e al geologo Alfredo Natoli.

“Questi risultati – ha commentato l’assessore Mondello a margine del sopralluogo odierno- ripagano di tutti i sacrifici compiuti per realizzare un’opera che cambierà radicalmente la fisionomia della città, apportando benefici in termini viabili e di sviluppo. Voglio ringraziare la direzione lavori, il Rup e soprattutto le maestranze, che con precisione e capacità, sono riusciti ad eseguire alla perfezione quanto programmato e progettato. Mi preme sottolineare anche un ulteriore aspetto di non secondaria importanza, ovvero la bonifica e la restituzione alla collettività di una zona fortemente degradata come Maregrosso, ricettacolo di criticità e pericoli, che diventerà ormai a breve, un quartiere produttivo e funzionale. Questo è un ulteriore obiettivo dell’amministrazione De Luca, che attraverso il risanamento e la realizzazione delle tante infrastrutture sia compiute che in itinere, – conclude l’assessore – intende continuare ad impegnarsi per una Messina del futuro, che sia un volano di sviluppo per il Sud, sia per la posizione logistico/strategica che possiede, sia per le tante, troppe, potenzialità inespresse, a cui stiamo cercando di dare impulso”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova don Blasco, si procede con la copertura del torrente Zaera

MessinaToday è in caricamento