Domenica, 21 Luglio 2024
Cronaca

Viadotto Ritiro, toni più distesi tra Cas e Toto: ma i lavori restano fermi

Terminato l'incontro tra il Consorzio Autostrade e la ditta che ha fermato il cantiere a causa dei mancati pagamenti

Clima più disteso tra Cas e Toto Costruzioni, la ditta che ha interrotto i lavori sul viadotto Ritiro rivendicano un credito di 6 milioni di euro. Stamane l'incontro tra il Consorzio Autostrade e l'azienda abruzzese per cercare una risoluzione alla vertenza e riprendere al più presto gli interventi sull'A20. Mezzi e operai restano comunque al momento fermi, ma la sensazione è che si possa presto trovare l'intesa.

A margine dell'incontro Toto Costruzioni riferisce che "la riunione è stata all’insegna di un confronto franco e pacato, volto a perseguire il comune obiettivo di trovare una soluzione alle attuali difficoltà e poter ripartire con i lavori e completare così il viadotto Ritiro. L’Azienda ha ribadito, in linea con lo spirito di collaborazione sinora dimostrato, di essere pronta alla ripresa delle attività di cantiere ma solo dopo che riceverà il saldo degli insoluti da parte del committente che, come noto, ammontano ad oggi a circa 6 milioni di euro. Tale condizione è infatti irrinunciabile, la situazione creatasi è ormai insostenibile per Toto Costruzioni Generali che, nonostante tutto, in questa fase mantiene il presidio del cantiere e assicurerà eventuali richieste da parte delle Autorità per gli interventi a garanzia della pubblica utilità. Il completamento dell’opera, atteso dai cittadini, sarà possibile in tempi rapidi ma l’azienda non può continuare a farsi carico a tempo indeterminato dei relativi costi".

Toto Costruzioni Generali si dice fiduciosa che il Cas abbia compreso appieno le ragioni dell’Azienda e trovi in tempi brevi le adeguate soluzioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Viadotto Ritiro, toni più distesi tra Cas e Toto: ma i lavori restano fermi
MessinaToday è in caricamento