rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Cronaca

Ritardi negli stipendi e lavori al viadotto Ritiro, Nasca ascolta le richieste della Uil

"Nonostante le reiterate dichiarazioni diffuse dai vertici della Toto - sostiene il sindacato - la realtà vede i lavoratori non percepire la retribuzione da ben tre mesi"

Si è svolto, presso la sede del Consorzio autostrade siciliane di Messina, un incontro tra il presidente del Consorzio autostrade, Filippo Nasca e una delegazione della Uil Messina guidata dal segretario generale Ivan Tripodi accompagnato dal segretario organizzativo della Feneal Uil Vincenzo Curatola, dal segretario generale della Uil Trasporti Michele Barresi e dal segretario provinciale Autostrade e Viabilità Angelo Passari. L’incontro ha avuto come argomento esclusivo la gravissima situazione dei lavori del Viadotto Ritiro con le pesantissime conseguenze che riguardano sia i lavoratori della Toto costruzioni, azienda appaltatrice dell’opera, che la città e i cittadini ormai esausti di una situazione paradossale che provoca disagi quotidiani alla viabilità e, quindi, alla collettività.

"Infatti, nonostante le reiterate dichiarazioni diffuse dai vertici della Toto - si legge nella nota - la realtà odierna è caratterizzata dal fatto che i lavoratori della stessa non percepiscono la retribuzione da ben tre mesi e, alle porte della Settimana Santa, vivono una condizione di drammatica disperazione. Inoltre, l’apertura del famigerato bypass è a data da destinarsi e, più complessivamente, della chiusura dei lavori e della consegna definitiva del viadotto Ritiro non se ne parla più, nonostante il cronoprogramma strombazzato pubblicamente nei mesi scorsi parlava di fine lavori entro lo scorso mese di febbraio. Tutte queste problematiche sono state analiticamente esposte dal segretario generale della Uil Messina Ivan Tripodi, il quale, in merito al mancato pagamento dei salari dei lavoratori, ha formalmente chiesto al presidente Nasca che il Cas, committente dell’opera, applichi l’art. 1676 del Codice civile al fine di sostituirsi all’azienda appaltatrice per procedere in tempi rapidissimi all’accredito degli stipendi".

Il presidente del Cas nel prendere atto delle richieste della Uil si è riservato un brevissimo arco di tempo per dare una risposta.  
Infatti, ha già calendarizzato un nuovo incontro che si terrà nel corso della prossima settimana. La delegazione della Uil auspica che la nuova riunione potrà essere risolutiva sia sul tema del pagamento degli emolumenti dei lavoratori che riguardo alla comunicazione dei tempi relativi all’apertura del bypass e alla chiusura dell’opera al fine di evitare che il Viadotto Ritiro si trasformi nell’ennesima incompiuta del nostro territorio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ritardi negli stipendi e lavori al viadotto Ritiro, Nasca ascolta le richieste della Uil

MessinaToday è in caricamento