Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca

Lunghe code per la chiusura del Ritiro, la Uiltrasporti chiede alternative ferroviarie

Il sindacato ha scritto al sindaco De Luca e al governo regionale per avere più treni da Milazzo che possano alleviare i disagi

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MessinaToday

Il Cas strangola la mobilità veicolare della provincia di Messina proveniente dalla zona tirrenica e la UIltrasporti Messina chiede al sindaco De Luca di intervenire presso la Regione affinché si faccia carico di intensificare i treni nella tratta Milazzo-Messina garantendo una frequenza ogni 20 minuti. 

Com'è noto il Consorzio Autostrade ha disposto con ordinanza n.19 del 20-2-2020 la chiusura della corsia di sinistra dell'autostrada A20 Messina-Palermo sul viadotto Ritiro in direzione Messina. Il provvedimento fin da subito ha causato prevedibili e ingenti criticità per le lunghe file createsi per l’obbligo di uscita a Giostra di tutto il traffico veicolare diretto a Messina e costretto poi a rientrare dallo stesso svincolo per proseguire sulla A20. Le ricadute sulla viabilità e la sicurezza di chi viaggia sono enormi, così come i danni economici, in termini di ritardi per gli inevitabili incolonnamenti che si vengono a creare. Danni che  saranno incalcolabili per i cittadini della provincia ma anche per le stesse ricadute sulla città, considerato che la durata prevista di tali interventi è di circa un anno. “Senza entrare nel merito degli interventi programmati posti in essere dal Cas  - dichiara Michele Barresi, segretario della UIltrasporti Messina - reputiamo necessario che la Regione, che è organo di controllo del Consorzio Autostrade, si adoperi con urgenza per limitare i danni di quella che appare un'inaccettabile strozzatura per l’intera città e la sua zona Tirrenica,  intensificando per tutta la durata  dei lavori previsti i collegamenti ferroviari sulla linea Milazzo - Messina. In tal senso invitiamo il Sindaco della città metropolitana  Cateno De Luca a farsi promotore con il Governo regionale, l’assessore Marco Falcone e Trenitalia, al fine di integrare il servizio ferroviario esistente. Si aumenti, nella fascia oraria dalle 6 alle 23, la frequenza  dei collegamenti con cadenza ogni 20 minuti, servendo tutte le fermate nella tratta Messina-Milazzo. E, dove possibile, prevedere nei piazzali delle stazioni intermedie i necessari punti di interscambio con i bus provenienti dalla provincia al fine di ridurre l’enorme mole di traffico veicolare che si dirige giornalmente dalla zona tirrenica in città e che diverrà, anche per motivi di sicurezza,  insostenibile all’approssimarsi della stagione estiva".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lunghe code per la chiusura del Ritiro, la Uiltrasporti chiede alternative ferroviarie

MessinaToday è in caricamento