Demolizione del viadotto tra Spadafora e Venetico, iniziata la distruzione

Fino al 21 dicembre il tratto autostradale della Messina-Palermo sarà interessato da limitazioni all'uso delle carreggiate

Il viadotto tra Spadafora e Venetico

Sono iniziati oggi i lavori che porteranno alla completa demolizione dei sovrappassi di Spadafora e Venetico, ricadenti sull’autostrada A20 Messina Palermo. Rilevate tutte le criticità strutturali presenti sulle strutture, il Consorzio Autostrade Siciliane ha proceduto nei mesi scorsi alle interlocuzioni istituzionali, alle progettazioni e alla pianificazione degli interventi utili alla messa in sicurezza. Si procederà dunque all’immediata demolizione degli impalcati centrali dei cavalcavia, denominati tecnicamente n° 3 e 4°, dopo aver eliminato tutti gli elementi di interferenza presenti sui luoghi e messo in sicurezza il traffico autostradale. Fino al 21 dicembre 2020 vigerà la parzializzazione delle carreggiate, in entrambe le direzioni, mediante la chiusura alternata delle corsie di emergenza, marcia o sorpasso, sul tratto interessato dal km. 27,800 al km.  29, 400. Per la sicurezza di tutti i viaggiatori e in ossequio alle disposizioni ministeriali, si raccomanda sempre il rispetto della segnaletica stradale, dei limiti di velocità e il divieto di sorpasso sul tratto autostradale interessato.
 

I viadotti a rischio crollo, l'annuncio del direttore del Cas

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I Pooh e il concerto non previsto in cartellone, Torre Faro "svegliata" a notte fonda per l'evento musicale dell'anno

  • L'indagine sulla Banca di Credito Peloritana, raffica di perquisizioni nelle aziende

  • Dall'aggressione fisica all'auto bruciata: la storia di Alessandro Gonciaruk, vittima di intimidazione a Zafferia

  • "Scambio" di morti in obitorio, famiglia seppellisce la salma sbagliata

  • Stop al coprifuoco per i negozi e riapertura delle scuole, passa in consiglio la mozione contro l'ordinanza di De Luca

  • Su Viviana e Gioele indagini per altri due mesi, Daniele Mondello: "Orribile non poter ancora dar loro sepoltura"

Torna su
MessinaToday è in caricamento