rotate-mobile

VIDEO | A Camaro la prima demolizione del 2024, al posto delle baracche sorgerà un parcheggio

Ruspe in azione per buttare giù 18 manufatti costruiti a ridosso della collina. Scoperta una notevole quantità di amianto

Si rimette in moto la macchina del Risanamento. Stamane la prima demolizione del 2024 a Camaro Sottomontagna, quartiere al primo posto nel rigido cronoprogramma di Arismè e del sub commissario Marcello Scurria. Ruspe in azione per buttare giù le 18 baracche costruite a ridosso della collina. Le ultime famiglie le avevano già lasciate trasferendosi nelle palazzine costruite qualche metro più a valle e consegnate nel 2018. Terminate le operazioni di demolizione, ci vorranno circa 45 giorni, l'area verrà riconvertita in un parcheggio dove non mancheranno panchine e verde pubblico, nel segno di una più generale riqualificazione che vedrà anche l'eliminazione di oltre 700 metri quadri di amianto. 

Ma Camaro attende altri importanti interventi. Sotto l'ex ponte ferroviario sorgerà un parco urbano i cui lavori sono stati affidati lo scorso 11 gennaio. Prima dovranno essere abbattute altri dieci manufatti in via di sgombero, poi anche lì spazio alle ruspe. Il progetto fa parte del Pinqua (Programma Innovativo Nazionale per la Qualità dell’Abitare) diviso tra Città Metropolitana e Comune. Oltre a Camaro sono state individuate altre due zone d'intervento come Sacro Cuore di Gesù e Annunziata. A disposizione ci sono 14 milioni destinati anche per l'acquisto di nuovi immobili.

Il Risanamento viaggia spedito anche a Roma. Come annunciato dalla deputata di Forza Italia, Matilde Siracusano, il decreto Milleproroghe conterrà una proroga che prolunga fino al 2025 la legge sul commissariamento, fondamentale per snellire le procedure e cancellare definitivamente le favelas in tutta la città. 

Video popolari

VIDEO | A Camaro la prima demolizione del 2024, al posto delle baracche sorgerà un parcheggio

MessinaToday è in caricamento