Giovedì, 21 Ottobre 2021

VIDEO | Pullman si incastra in una curva sui Colli, circolazione bloccata ma riapre l'autostrada

Gli effetti della chiusura al traffico per alcune ore degli svincoli di Rometta e Villafranca in direzione Messina. Un grande bus è rimasto bloccato poco prima del centro Neurolesi. I sindacati: "Autostrada abbandonata al degrado da anni". Biancuzzo: "Si pensi alla sicurezza degli utenti"

Viabilità in ginocchio oggi in città. Dopo l'auto in fiamme lungo l'autostrada che ha paralizzato questa mattina il traffico lungo l'arteria verso Messina, un pullman è rimasto bloccato nel tragitto verso la città in una curva a pochi metri dal centro Neurolesi e dall'incrocio con la via Palermo. Necessario l'intervento della gru dei vigili del fuoco per sollevare e spostare il mezzo pesante. 

Veicolo in fiamme dentro la galleria Telegrafo: auto costrette a tornare indietro 

Mentre la squadra è ancora a lavoro per rimettere il bus in carreggiata, si sono formate lunghissime code di auto e mezzi pesanti che hanno deviato il loro percorso e si sono riversate lungo la strada dei Colli per arrivare in città. Intanto la galleria Telegrafo è stata bonificata è la A20 in direzione Messina è stata riaperta al traffico. 

Auto in fiamme in galleria, i sindacati: "Autostrada abbandonata al degrado da anni"

In merito a quanto accaduto questa mattina lungo l'autostrada sono intervenuti anche i sindacati con una dura nota. "L'incidente, con un'auto in fiamme nella galleria Telegrafo,  ha palesato per intero rischi e disagi a cui stanno andando incontro da troppo tempo gli utenti dell'autostrada siciliana nella provincia tirrenica di Messina   e impongono una seria riflessione su quali interventi porre in essere per il proseguo dei lavori sul viadotto ritiro e le scelte del Consorzio Autostrade Siciliane". Questa la dichiarazione delle segreterie provinciali di Filt Cgil Fit Cisl e Uiltrasporti Messina in merito all'odierno incidente che ha paralizzato il traffico sulla A20 da Villafranca a Messina . 

"Più volte abbiamo evidenziato , ed anche denunciato , disagi e rischi legati alla sicurezza delle nostre autostrade , anche alla luce del protrarsi dei lavori sul viadotto ritiro  e le problematiche di variabilità nella tratta da Villafranca a Messina con la contestuale inagibilità delle rampe Giostra - Annunziata . Non vogliamo fare allarmismi ne essere le cassandre di turno - continuano i sindacati - ma pensiamo  al recente annuncio  da parte del Cas che intenderebbe dai prossimi mesi  limitare per tutta la tratta da Giostra a Villafranca la circolazione ad una sola corsia in entrambi i sensi di marcia e invitiamo a riflettere su cosa potrebbe accadere se l'incidente odierno si ripetesse in quelle circostanze . Le nostre autostrade, abbandonate al degrado da anni - concludono i sindacati -  hanno necessità di grandi manutenzioni infrastrutturali ma occorre innanzitutto programmare interventi mirati e conciliare sempre cantieri e sicurezza". 

Pedaggio Villafranca, Biancuzzo: "Il Cas non si cura della pubblica incolumità degli utenti" 

Anche il consigliere del VI quartiere Mario Biancuzzo, da anni impegnato nella richiesta di eliminazione del pedaggio al casello di Villafranca Tirrenza, è intervenuto in merito a quanto accaduto questa mattina. "E’ evidente che autorità preposte dimostrano indifferenza nei confronti della pubblica incolumità e continuano a sottovalutare le richieste di attenzione e di interventi sollecitati proprio lungo la tratta della tangenziale che collega il centro della città con la riviera nord", scrive. 

"Reclamo una presa di coscienza seria per affrontare nelle sedi opportune a costo zero la rimozione definitiva del pagamento del pedaggio, il più caro d’Italia €1,20 per compiere circa 6 km di trazzera, per entrare ed uscire nella stessa città, rivolgendo finalmente attenzione e cura nei confronti dei messinesi tutti che ogni giorno rischiano la propria vita in prima persona durante il tragitto di collegamneto nello stesso territorio, aggiungo che oltre alla rimozione del pagamento del pedaggio illegale, occorre riflettere ed adoperarsi, con tutti i provvedimenti del caso, ad un controllo serio e scrupoloso delle condizioni in cui versa l’arteria di collegamento con la riviera nord, disponendo tutti gli strumenti che la tecnologia consente per la manutenzione ordinaraia e straordinaria della tratta in questione per la quale ingenti somme di denaro versate dal 1972 sono state accumulate da un pedaggio astruso imposto ad ogni mezzo in transito che voleva raggiungere Messina Nord e viceversa", conclude. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

VIDEO | Pullman si incastra in una curva sui Colli, circolazione bloccata ma riapre l'autostrada

MessinaToday è in caricamento