Multano auto nell’area pedonale di Milazzo, aggrediti due vigili urbani: la solidarietà del sindaco

L’aggressione sarebbe scaturita dopo un alterco verbale. Tre le denunce. Sul posto 118 e carabinieri

Foto di repertorio

Dura presa di posizione del sindaco Giovanni Formica contro l’aggressione subita da due vigili urbani la notte scorsa al Tono. Gli agenti sono stati aggrediti da tre persone mentre erano impegnati ad elevare verbali alle numerose auto parcheggiate all’interno dell’area di piazza Ngonia che è stata interdetta al traffico con un provvedimento emesso nelle scorse settimane dagli uffici comunali.

L’aggressione – che ha provocato il ferimento di entrambi i vigili, costretti a ricorrere alle cure del pronto soccorso dell’ospedale di Milazzo – sarebbe scaturita dopo un alterco verbale in occasione delle contestazioni mosse per la sosta in zona vietata. Sul posto sono intervenuti l’ambulanza del 118 ed i carabinieri. I tre presunti aggressori sono stati denunciati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Quello che è accaduto stanotte è inaccettabile – afferma il sindaco Formica - e spero che chi ha la responsabilità dell'aggressione, così come quanti hanno dichiarato di non avere visto nulla, subiscano una condanna esemplare. Di certo il Comune si costituirà parte civile nel processo. Ai nostri agenti della Polizia Locale va la mia personale solidarietà e vicinanza e, sono certo, quella dell'intera comunità cittadina. Purtroppo la situazione della Ngonia continua ad essere ingovernabile perché troppi cretini pensano di potere impunemente violare le regole. Sin da oggi, di certo, intensificheremo i controlli e sanzioneremo ancor più pesantemente ogni violazione. È assurdo pensare che persone che lavorano nell'interesse della collettività, peraltro in divisa, possano concludere il turno di lavoro al Pronto Soccorso. Mi auguro che questa vicenda venga stigmatizzata soprattutto dai tanti giovani che sanno divertirsi nel rispetto degli altri”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Far west sui Colli Sanrizzo, insulti e schiaffi tra due famiglie nell'area attrezzata di Musolino

  • Cade da cavallo e sbatte la testa, 18enne in gravissime condizioni

  • Rientro in classe, la pediatra Caputo: “Con queste regole si rischia il caos”

  • Rissa tra ragazzine a Villa Dante, due ferite: quattro pattuglie dei vigili per calmare gli animi

  • Ucciso a Los Angeles il regista Serraino, “Un amore spropositato per Messina che non gli ha mai tributato nulla”

  • La nuova Maserati Corse parla messinese, nel team di progettazione due ex studenti UniMe

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento