Cronaca

Sola in casa, accusa un malore e chiama i vigili urbani: "Aiuto, ho bisogno di un farmaco"

Il gesto di solidarietà della polizia municipale durante il coronavirus. Alla porta della donna si è presentato il commissario Giovanni Giardina portandole le cure richieste

In piena emergenza coronavirus non mancano i bei gesti di solidarietà di cui si rendono protagoniste le forze dell'ordine.

"Sono sola in casa, non mangio da cinque giorni", i messaggi choc degli anziani messinesi durante il coronavirus

Sabato è toccato ai vigili urbani raccogliere la richiesta d'aiuto di una signora, sola in casa con il figlio di pochi anni e in preda ad un malore. La donna, impossibilitata a muoversi, aveva bisogno urgente di un farmaco. Non potendo contare su parenti e vicini, ha quindi deciso di contattare direttamente la centrale operativa della polizia municipale.

La sua richiesta è stata prontamente accolta e dopo pochi minuti è stato lo stesso commissario dell'Annona Giovanni Giardina a suonare alla porta della donna e a consegnarle il farmaco richiesto ricevendo i suoi ringraziamenti. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sola in casa, accusa un malore e chiama i vigili urbani: "Aiuto, ho bisogno di un farmaco"

MessinaToday è in caricamento