rotate-mobile
Cronaca Lipari / Isola di Vulcano

Attività di Vulcano, ansia e preoccupazione fra gli abitanti: "Io, intossicata per la terza volta"

Aumentano i disagi fra gli abitanti dell'isola dell'arcipelago eoliano. Un residente ha deciso persino di non dormire più nella sua casa a causa dei fumi che arrivano dal cratere. "Non siamo più disposti che la nostra esistenza venga affidata solo a scarni comunicati"

Crescono sempre più l'apprensione e il terrore da parte degli abitanti dell'isola di Vulcano, dopo il risveglio dell'attività fumarolica del cratere. I vapori trasportati dalle folate di vento, invadono anche alcune case, creando disagi tra gli abitanti. "I dati del monitoraggio - spiega il direttore dell'Osservatorio Etneo dell'Ingv di Catania, Stefano Branca - indicano che il flusso di gas dalle fumarole è alto nella zona del cono del cratere della Fossa e nelle zone basse, dove è noto da tempo, i valori sono sempre anomali durante queste crisi, e cioè nell'area ex camping Sicilia e in alcuni punti nella spiaggia di Levante".

Vulcano, fumarole a bassa quota: preoccupazione per il bestiame degli allevatori

Ancora non sembrerebbe esserci il rischio di evacuazione per gli abitanti dell'isola e i turisti che continuano a visitare l'isola. Tuttavia alcuni abitanti vicini alle fumarole stanno vivendo non pochi disagi. C'è chi, come Giannina Zuradelli che da parecchi anni ha deciso di vivere nell'isola delle Eolie, afferma che "la situazione è insostenibile" e "per sicurezza non ho dormito nella mia casa".

Rosalba Basile, che abita nel borgo di Gelso, rivela di "essersi intossicata per la terza volta". "Purtroppo - spiega - quando c'è un certo vento succede. Ma siccome si convive, non siamo più disposti che la nostra esistenza venga affidata solo a scarni comunicati. Non ci sta più bene. Che si facciano le riunioni settimanali con la protezione civile e vulcanologi, come in passato". "Per esempio - aggiunge - vogliamo sapere e subito quando questo fumo invade le case che si fa? Cosa c'è dentro? Si chiudono le porte come in molti hanno fatto? O si scappa? Ci sono gas? Sono pericolosi?". 

Sergio La Cava che vive al Piano getta acqua sul fuoco "c'è da stare tranquilli - sostiene - ricordo che rispetto ai fenomeni degli anni '80-'90 come hanno riferito i vulcanologi e la Protezione civile i valori nei punti a rischio sono più bassi. Il fumo parte dal Vulcano ed è trasportato dal vento. Ma è un fenomeno passeggero".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attività di Vulcano, ansia e preoccupazione fra gli abitanti: "Io, intossicata per la terza volta"

MessinaToday è in caricamento