rotate-mobile
Cronaca Lipari / Isola di Vulcano

Vulcano, l'evacuazione ampliata anche alla zona dei fanghi. Giorgianni: "Situazione in evoluzione"

Nuove restrizioni per i residenti di Vulcano porto dove continuano ad aumentare le aree che dovranno rispettare durante la notte le misure di sicurezza. Apprensione sull'isola. Ma il sindaco rassicura in merito al monitoraggio continuo del livello dei gas

Continuano ad aumentare le restrizioni sul'isola di Vulcano dovute a un aumento dei valori giornalieri di CO2 da 80 tonnellate a 480 giornaliere. All'ordinanza del sindaco Marco Giorgianni, che ha disposto nelle ore notturne l'evacuazione della zona del porto, è stata aggiunta anche la zona dei fanghi in considerazione dell'aggiornamento dei dati ricevuti dagli esperti sul luogo.  "La situazione è in continua evoluzione - ha spiegato in diretta fb il sindaco - I provvedimenti possono incrementare le restrizioni o diminuirle in base all'andamento dei fenomeni naturali". 

Per le famiglie che sono state evacuate vale ancora il contributo mensile per l'autonoma sistemazione, stabilita in 400 euro per i nuclei mono familiari, 500 euro per i nuclei composti da due persone, 700 euro per quelli composti da tre unità, 800 euro per i nuclei composti da quattro o più unità.I turisti non potranno sbarcare, mentre lo potranno fare i pendolari.

Lo Stromboli torna a farsi sentire, nuovo trabocco lavico e debole oscillazioni sismiche

Oggi, intanto, sono arrivati anche gli esperti dell'Arpa per impiantare nuove attrezzature per monitorare ulteriormente le emissioni nell'aria. Resta comunque alto il livello di apprensione fra i cittadini. Chi abita ai primi piani delle case della zona del porto, infatti, non è stato inserito nell'ordinanza di evacuazione notturna.

Tuttavia in molti hanno deciso comunque di allontanarsi dalle residenze per mettersi in sicurezza. Chi poteva, invece, si è trasferito nei secondi piani delle abitazioni. Non mancano comunque le polemiche da parte del resto della cittadinanza. La maggior parte degli isolani, infatti, teme il peggio. L'idea chiesta a gran voce è quella di predisporre già un piano di evacuazione per tutta l'isola. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vulcano, l'evacuazione ampliata anche alla zona dei fanghi. Giorgianni: "Situazione in evoluzione"

MessinaToday è in caricamento