Sabato, 13 Luglio 2024
Cronaca

Riduzione dell'acqua, fra Giostra e Annunziata zone con tre ore di erogazione. Verso: "Attenzione ai fragili"

Dopo la comunicazione da parte di sindaco e dei vertici dell'Amam della diminuzione del tempo di distribuzione idrico in città a causa dell'emergenza nazionale legata alla siccità, le municipalità a lavoro per aiutare i cittadini e prevenire situazioni critiche. Già tanti i disservizi nella zona nord

Da viale Giostra basso a via Palermo bassa compreso Tremonti, Annunziata bassa, dalla via Leonardi alla via Idebon, la Cittadella universitaria e i complessi limitrofi, e, ancora, San Jachiddu, contrada Sorba, contrada Catanese, contrada Citola e le contrade Fondelli e Canali. Sono queste le zone della quinta circoscrizione che, dopo la riduzione oraria dell'erogazione idrica stabilita dai vertici dell'Amam per andare incontro all'emergenza siccità ricevono l'acqua soltanto per 4/5 ore al giorno. Peggio soltanto accade nella zona dell'Annunziata alta e dell'Università dove l'acqua è erogata soltanto per 3 ore.

Sono aree, queste, non soltanto dislocate in posizioni sfavorevole rispetto alla rete, perché in alto e quindi a contatto con problemi di pressione, ma anche densamente abitate dove già, prima dell'emergenza siccità, si registravano, comunque, difficoltà a un approvvigionamento continuo. Adesso, queste stesse aree, dovranno fare i conti con un problema di carattere nazionale e, soprattutto, regionale, per cui saranno messi in campo, da parte dell'amministrazione, dell'Amam e del Coc, le misure a tutela della cittadinanza che, tuttavia, lamenta già difficoltà nella gestione delle poche risorse a disposizione.

"Prendiamo atto di questa riduzione dovuta alla siccità e sicuramente le zone maggiormente colpite da questa emergenza sono l’Annunziata alta, Campo italia, Tremonti e la zona di san Michele dove oltre a esserci un problema di erogazione in fascia oraria c’è un problema di pressione", spiega il presidente della circoscrizione Raffaele Verso. Una questione, quella della siccità e della riduzione dell'erogazione idrica, destinata a tenere banco per tutta l'estate.

A subire meno disagi saranno le zone di Forte Ogliastri, Piazza Castronovo, via Palermo Alta, Torrente Badiazza e contrada Conca d'Oro, dove, secondo quanto reso noto dall'Amam, l'erogazione avveniva h24 e dunque si passerà a una riduzione di qualche ora che poco dovrebbe incidere sulle disponibilità. Ma si parla, comunque, di zone in cui molti complessi possiedono pozzi privati con cui sopperiscono già autonomamente alle ridotte risorse. 

Discorso diverso, invece, per San Licandro, via Olimpia, la via Panoramica dello Stretto, il viale dei Tigli, Paradiso e, ancora, il Centro Neurolesi, dove l'acqua sarà erogata per 6/7 ore al giorno. "La nostra municipalità conosce le fasce da tutelare come anziani e portatori di handicap e queste sicuramente dovranno essere tutelate - ha aggiunto ancora Verso - A breve come municipalità organizzeremo un incontro con il Coc e i vertici dell’Amam per capire come affrontare questa emergenza soprattutto per queste fasce e restiamo a disposizione di tutti per farci da mediatori con gli enti competenti".

A chiudere il cerchio il villaggio di Pace dove, invece, l'erogazione è prevista per 15 ore, dalle 5 alle 20. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riduzione dell'acqua, fra Giostra e Annunziata zone con tre ore di erogazione. Verso: "Attenzione ai fragili"
MessinaToday è in caricamento