Martedì, 26 Ottobre 2021
Cucina

Ricetta dei taralli siciliani

Fanno impazzire per la consistenza, un poco mordidi dentro ma comunque friabili come la pasta frolla. Se fatti a regola d’arte, si sciolgono in bocca

Una treccina saldata a ciambella. Li trovi in ogni angolo della Sicilia. Sono i biscotti taralli aromatizzati all’anice e glassati con zucchero e limone. Fanno impazzire per la consistenza, un poco mordidi dentro ma comunque friabili come la pasta frolla.  Se fatti a regola d’arte, si sciolgono in bocca. Obbligatoria: ammoniaca per dolci che evaporerà del tutto con un tempo di cottura e di riposo sufficienti.
 

Occorrono
 1 kg di farina 00,  250 ml di latte, 250 g di zucchero semolato, 200 g di strutto, 4 uova, 40 g di ammoniaca per dolci, Un cucchiaio di semi di anice, 1 limone, un pizzico di sale

Impastare su di una spianatoia farina, setacciata,  zucchero, sale, strutto ammorbidito, uova,  succo e  scorza grattugiata del limone, ammoniaca e  semi di anice, aggiungendo via via un po' di latte a filo fino a ottenere un impasto un po' morbido. 
Staccare dalla massa dei tocchetti di pasta e stenderli con le mani fino a formare un numero pari di bastoncini lunghi tra i 12 e i 20 cm  e dello spessore di 1,5 cm circa. Allineare i bastoncini a coppie, attorcigliarli tra loro a forma di treccia e saldare le due estremità in modo da creare la classica forma a ciambella. Cuocere in forno preriscaldato a 200 °C per 15 minuti circa. Eventualmente anche come semplici ciambelle - senza treccia -  vanno benissimo.
Una volta cotti, lasciare raffreddare a temperatura ambiente. Infine, spennallare la parte superiore con una glassa di zucchero stemperato in latte e succo di limone e farli asciugare in forno a 150 °C per 5 minuti. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricetta dei taralli siciliani

MessinaToday è in caricamento