Economia

Quindici nuove assunzioni all'Atm Spa, è polemica sui contratti

Il bando è già pubblicato, i nuovi lavoratori si occuperanno di tutelare gli immobili aziendali. Filt Cgil e Uiltrasporti accusano l'azienda di dumping, la risposta di Campagna

Le quindici nuove assunzioni all'azienda trasporti Spa oggetto di polemica già prima di essere espletate su concorso. Il bando è già pubblicato sul sito dell'Atm. Ad attaccare l'ente i segretari di Filt Cgil e Uiltrasporti Carmelo Garufi e Michele Barresi: "Che i frutti del SalvaMessina potessero essere avvelenati lo abbiamo detto già nel 2018 e dopo aver festeggiato in pompa magna il primo anno di Società per Azioni, dimenticandosi dei numerosi lavoratori ancora in cassa integrazione, l'Atm spa scopre le carte e pubblica un bando per 15 nuove assunzioni con la qualifica di Operaio in apprendistato a cui applicare il contratto nazionale Multiservizi e non quello previsto per la categoria degli autoferrotranvieri. Si apre la temuta stagione del dumping contrattuale? Temiamo di sì - continuano Garufi e Barresi - perché introdurre all'interno dell'azienda trasporti un contratto diverso da quello nazionale autoferrotranvieri con minori tutele e fortemente al ribasso sul profilo economico,  non può che far suonare un campanello d'allarme ai sindacati più attenti. Ovviamente , impegnati nei recenti festeggiamenti , i vertici dell'Atm Spa hanno anche dimenticato di espletare il confronto sulla pianta organica dell'azienda necessario per individuare eventuali carenze di personale e persino si è omesso di informare il sindacato dell'avvio di selezioni per nuove assunzioni che apprendiamo solo dal sito aziendale e dalla stampa. Ma nell'Atm del cambiamento questa ormai è prassi consolidata". Filt Cgil e Uiltrasporti hanno richiesto un confronto.

"Di queste nuove assunzioni - risponde il presidente di Atm Spa Pippo Campagna - avevamo tenuto un incontro con i sindacati a maggio, avevamo spiegato che le strade erano due perché questi nuovi lavoratori avranno il compito di tutelare gli immobili Atm come via La Farina, i parcheggi Cavallotti, Zaera e Annunziata e non avranno incarichi più legati alla funzione di autoferrotranvieri. Le strade erano due: o dare il servizio a privati o assumere nuovo personale e gestire internamente l'attività, abbiamo preferito la seconda strada ma con il contratto Multiservizi che tra l'altro è un contratto nazionale molto dignitoso siglato anche dalle segreterie nazionali di Cgil e Uil, il contratto autoferrotranvieri è molto specifico e più rigido anche sui costi, non riesco a comprendere le prese di posizione di Filt Cgil e Uiltrasporti che anziché elogiarci per l'assunzione di giovani in un periodo di forte crisi ci attaccano". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quindici nuove assunzioni all'Atm Spa, è polemica sui contratti

MessinaToday è in caricamento