Economia

Cas, il sindacato prova a fermare l'agenzia interinale: “Si proceda con le assunzioni dirette”

Orsa e Siad Cisal nella sede di contrada Scoppo strappano ai componenti del Cda la promessa di valutare la questione. Il 23 giugno l'esito dopo un confronto con i legali del Consorzio autostrade

Rabbia e proteste stamattina nella sede del Cas di contrada Scoppo dove i sindacati Orsa e Siad-Cisal hanno bloccato l’agenzia interinale pronta ad assumere i cosiddetti trimestrali “con dinamiche fuori dagli accordi sindacali presi con la Regione”.

Una doppia mobilitazione quella scattata di oggi nell’ambito delle vertenze che riguardano il Consorzio. In prefettura la protesta dei dipendenti che tornano a chiedere il riconoscimento del contratto nazionale delle Autostrade e dei trafori con gli adeguamenti economici contrattuali derivanti e congelati dal 2009, nella sede di contrada Scoppo invece quella dei trimestrali che rivendicano il rispetto degli accordi presi con l’assessore regionale Marco Falcone. Ma cosa prevede l’accordo? “Intanto di non affidarsi alle agenzie interinali che assumono in modo indiscriminato alimentando nuovo precariato e creando così nuovi scontri fra i lavoratori – spiega Mariano Massaro dell’Orsa -Abbiamo chiesto il blocco dei contratti non per i lavoratori trimestrali che stavano chiamando per l’assunzione, ma per stabilire il principio che occorre avviare le stabilizzazioni attraverso le assunzioni dirette al Cas. Premetto che fra coloro che oggi potevano essere assunti ci sono anche iscritti all’Orsa”.

I sindacati erano riusciti a prendere tempo sulla questione. Il presidente del consiglio di amministrazione Francesco Restuccia, la consigliera Chiara Starrantino e l’architetto Sergio Gruttadauria, neo insediato nel Cda, avevano infatti preso atto delle rivendicazioni del sindacato e si erano detti disponbili a bloccare temporaneamente le chiamate con l’agenzia interinale solo che il presidente Minaldi aveva già proceduto alla sottoscrizione di 26 contratti. 

Si è stabilito dunque di procedere alla chiamata anche degli altri trimestrali “anziani” per un totale di ottanta assunzioni a tempo.

Il sindaco ha chiesto conferma del pecorso di assunzione diretta al Cas e i componenti del Cda si sono resi disponibili a valutare la vicenda previa consultazione dei legali per valutare la rescissione del contratto con l’agenzia interinale sottoscritto nel 2019 dopo l’espletamento di una gara d’appalto.

Il 23 i sindacati sono stati riconvocati e in quella data saranno comunicate le determinazioni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cas, il sindacato prova a fermare l'agenzia interinale: “Si proceda con le assunzioni dirette”

MessinaToday è in caricamento